spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Linea 37, la “bellissima” esperienza di una quindicina di imprunetini che volevano tornare a casa”

    "Abbiamo appurato che il tanto decantato miglioramento del servizio pubblico sulla tratta Impruneta/Firenze altro non è che un disservizio pubblico"

    Buongiorno, approfitto per raccontare una “bellissima” avventura accaduta nei giorni scorsi (di pomeriggio) a una quindicina di imprunetini che volevano tornare a casa da lavoro e da scuola.

    Le corse della linea linea 37 (partenza Orti Oricellari) delle ore 15 e 15.15 sono saltate, quindi la speranza per noi poveri pendolari di prendere la coincidenza a Tavarnuzze I Maggio delle 15.45 è andata in fumo.

    Arriva finalmente un 37 quello dello 15.31, dove siamo stipanti in maniera fuori dal normale, ma la nostra speranza è quella di riuscire a prendere la coincidenza delle 16 al Galluzzo via Volterrana.

    Quando arriviamo in prossimità della fermata “Senese Biblioteca” del Galluzzo vediamo dalla parte opposta arrivare la linea 65, che a logica dovrebbe fare la rotonda dell’Esselunga e tornare indietro al capolinea di via Volterrana, tutti contenti scendiamo alla fermata di via Volterrana in attesa della navetta.

    Attesa vana perché l’autobus deve essersi perso: 16.05, 16.15, 16.30… non arriva nessun autobus.

    Dunque o aspettiamo fiduciosi la navetta delle 17 o l’autobus che parte alle 17 dalla Stazione di Firenze o proviamo a chiamare qualche amico/parente disponibile a venire a prenderci al Galluzzo.

    Sono passate quasi due ore da quando io, come gli altri che erano con me, sono usciti da lavoro o da scuola e ancora stiamo vagando per il Galluzzo.

    E per fortuna non pioveva, non faceva né caldo né freddo.

    Purtroppo quello accaduto non è assolutamente un caso isolato quindi cosa dobbiamo fare per tornare a casa ad un orario decente? Prendere (chi può) la macchina?

    Abbiamo pertanto appurato che il tanto decantato miglioramento del servizio pubblico sulla tratta Impruneta/Firenze altro non è che un disservizio pubblico.

    Forse chi ha pensato a tutto questo dovrebbe iniziare a fare il pendolare.

    Cordiali saluti.

    Alessandra Bonechi

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua