spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Lungo la strada provinciale a Lucolena, dove l’erba arriva a sfiorarti… le spalle”

    "Ci si ritrova a dover tendere le orecchie ad ogni curva perché si sa che, non per colpa nostra, si sta camminando in mezzo alla strada..."

    Lucolena, luglio 2023 (non medioevo e neanche l’epoca dell’anziano che tagliava l’erba con la falce).

    Nelle tipiche serate estive, a “bruzzico” è bello passeggiare sulla provinciale tranquilla che circonda il piccolo borgo di Lucolena. 

    Peccato che tranquillo non sia chi decide di andare a fare una passeggiata perché, senza scherzare, in alcuni tratti della provinciale l’erba arriva a sfiorarti la spalla.

    Quindi il temerario lucolenese, partito tranquillo da casa, si ritrova a dover tendere le orecchie ad ogni curva perché sa che, non per colpa sua, sta camminando in mezzo alla strada.

    E, quasi a disagio, avrebbe preferito andare al fresco in piazza che a fare una breve camminata. 

    Non sono mai stata una camminatrice incallita, ma è insostenibile sia per chi guida e sa che dietro l’ennesimo cespuglio di papaveri, erba e forasacchi potrebbe esserci una persona.

    Sia per quest’ultima che non si gode neanche l’aria fresca della sera perché deve trovare un perfetto equilibrio tra schivare le auto e infilare in una macchia (ovviamente con il pantaloncino corto tipicamente estivo).

    Sono completamente ignorante in materia di responsabilità o tempistiche sul taglio dell’erba, ma anche da non esperta direi che forse è l’ora di darci un taglio, seriamente.

    Ci rimane solo da ringraziare chi si prodiga, autonomamente e anche rischiando qualcosa, a tagliare l’erba in alcuni piccoli tratti (questo è un ritorno al medioevo e allo stradino).

    Alessia Anichini

     

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...