spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Ma perché tutta questa ricerca di compagnia nell’animale, cane o gatto?”

    "Forse l'umanità della società dei consumi non vuole impegnarsi per il futuro come facevano i nostri nonni e genitori, e preferiscono la compagnia caratteriale di un animale..."

    Andando a passeggio in queste belle giornate di sole si incontrano tante persone insieme al loro cane, grosso o piccolo di ogni specie e acconciatura.

    Ci sono i cani grossi che trascinano i loro proprietari, e quelli piccolini che spesso  sono portati i braccio come dei bambini piccoli.

    Questo spettacolo mi ha suggerito alcune riflessioni sul cambiamento del valore attribuito agli animali.

    Quando ero piccolo, negli anni 50, i cani erano considerati animali da utilità per la famiglia, c’erano i cani da caccia, i cani da gregge e i cani da guardia come “Melampo” il cane legato a catena del Pinocchio.

    Le famiglie agiate potevano avere più cani e fra questi alcuno da passeggio per la sicurezza personale o status symbol.

    Per il loro sostentamento ognuno si arrangiava a preparargli la ciotola per l’alimentazione.

    La gente normale dava loro molti farinacei e verdure, la carne era rara come per le persone.

    I facoltosi invece si permettevano di comprare il “Macinato di carne” e questo faceva la differenza.

    Poi piano piano l’industria ha incominciato  a preparare alimenti appropriati e ora ci sono intere scaffalature dedicate al cibo dei Quattrozampe.

    Per i gatti l’evoluzione è stata diversa, essendo essi felini gregari,  una volta tenuti più di uno in funzione di caccia ai topi che abitavano le case e i granai.

    Poi anche loro hanno subito la metamorfosi di trasformazione da cacciatori di topi a membri della famiglia urbanizzata nella quale non ci sono topi da cacciare ma “coccole” da ricevere insieme al loro cibo gradito, altrimenti si ritirano sdegnati lasciando la ciotola intatta.

    A questo punto viene una riflessione: ma perché tutta questa ricerca di compagnia nell’animale cane o gatto, e non nell’animale uomo o donna o fanciullo, più congeniale?

    Forse l’umanità della società dei consumi non vuole impegnarsi per il futuro come facevano i nostri nonni e genitori, e preferiscono la compagnia caratteriale di un animale che richiede meno tempo e danaro di un umano.

    R.B.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...