spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Perché nella piazza di Tavarnuzze ci si mettono le giostre ma non il mercato settimanale?”

    "E se c’è un motivo la domanda successiva è: quando si è progettato il rifacimento perché non è stata pensata per ospitare settimanalmente il mercato?"

    Buongiorno, sono Marco Fossi abitante di Tavarnuzze, via Giuseppe Di Vittorio 4.

    Vorrei aggiungere, in merito alla lettera sul disastroso stato della rotonda del casello A1 Impruneta, tutto il sudicio incastrato nella vegetazione (cartacce e plastica di tutti i tipi) e sul manto stradale… ancora c’è chi svuota per terra i posacenere delle auto!

    “Incresciosa situazione ambientale della rotonda del casello A1 di Impruneta”

    Il motivo principale per cui scrivo è una domanda che vorrei rivolgeste ai preposti della nostra amministrazione pubblica.

    Perché il mercato a Tavarnuzze non viene fatto sfruttando la piazza nuova tutta pavimentata?

    Chiudendo la strada tutti gli abitanti di quella zona sono costretti a parcheggiare in altri posti come nei parcheggi adiacenti al centro sportivo dello Zodiac, che fortunatamente sta funzionando alla grande.

    Ma per chi abita in zona è diventato molto complicato trovare il parcheggio nelle ore classiche del rientro dal lavoro: dalle 17 fino alle 20-20.30. Il martedì è impossibile.

    Possibile che ci si possa mettere solo le giostre ogni tanto e non il mercato del mercoledì mattina?

    E se c’è un motivo la domanda successiva è: quando si è progettato il rifacimento perché non è stata pensata per ospitare settimanalmente il mercato visto che parte della piazza ora occupa l’area parcheggio che era destinata proprio al mercato??

    Ringraziandovi, saluto con cordialità.

    Marco Fossi

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua