spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Politica del verde a Bagno a Ripoli? Ecco come fanno in Romagna: molta natura, zero strutture”

    "Non sarà che le amministrazioni romagnole sono realmente di sinistra e perseguono, al di là di tutti gli ipocriti proclami, vere politiche per la salvaguardia dell'ambiente?"

    Riguardo alla differenza fra la politica del verde a  Bagno a Ripoli e quella in altri comuni, posso riportare quanto ho visto in Romagna in una mia recente visita.

    A Sant’Arcangelo di Romagna una vasta area nel centro cittadino è stata lasciata semplicemente a prato senza alcuna struttura nel mezzo.

    Le poche strutture essenziali sono tutte ai margini per non disturbare la naturalità del parco.

    I cittadini, per niente impressionati dall’erba si ritrovano stendendosi su teli per mangiare, fare attività in modo del tutto libero e spontaneo. E sono in molti.

    Alcuni si portano anche delle lampade per stare oltre al tramonto.

    I cittadini di Bagno a Ripoli sono più schizzinosi dei romagnoli? È per questo che si vogliono costruire tante infrastrutture nei parchi? Oppure si vogliono utilizzare anche i parchi per far lavorare aziende amiche usando fondi pubblici?

    Sempre nella mia gita ho avuto il grande piacere di tornare a Classe per visitare la meravigliosa chiesa di Sant’Apollinare.

    Mi ricordavo quella zona come brutta e degradata. Ora davanti alla basilica c’è un enorme prato di almeno 2 ettari con ai lati due bei boschetti senza alcuna struttura, con la piacevole eccezione di 5 statue rappresentanti altrettanti bufali al pascolo.

    Un vero paradiso dal quale si può ammirare la basilica in tutta la sua bellezza. Immaginiamo la stessa cosa per la Pieve a Ripoli.

    Dietro, recuperando un vecchio grosso zuccherificio, è stato realizzato un moderno museo archeologico che, tanto per cambiare ha difronte un ettaro di prato.

    Perché quando a Bagno a Ripoli si chiede di fare altrettanto con l’edificio della ex fabbrica OMNES e del terreno intorno si è tacciati dalla nostra amministrazione di essere i soliti retrogradi del No?

    Non sarà che le amministrazioni romagnole sono realmente di sinistra e perseguono, al di là di tutti gli ipocriti proclami, vere politiche per la salvaguardia dell’ambiente?

    Umberto Alberti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...