spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    44enne picchiato quasi a morte a Mercatale: ancora in coma farmacologico a Careggi

    Dalla sera del 19 giugno, quando fu trovato quasi morto a terra, nel cuore del paese, nessuno ha potuto rivolgergli ancora nessuna domanda

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Nessuna novità sulla vicenda del 44enne di nazionalità albanese che il 19 giugno scorso venne picchiato quasi a morte a Mercatale.

    E’ infatti ancora in coma farmacologico, presso l’ospedale fiorentino di Careggi.

    # Aggredito a Mercatale: 44enne all’ospedale in condizioni disperate. Indagano i carabinieri

    E’ tenuto sedato dai medici, viste le condizioni molto critiche nelle quali versa dal giorno in cui venne portato dopo essere stato trovato, esangue, a terra.

    I carabinieri della Stazione di San Casciano, che stanno indagando sulla vicenda, non hanno quindi potuto rivolgergli nessuna domanda dal quella sera.

    E, anzi, da quelle che sono le previsioni dei medici, questa impossibilità proseguirà ancora nei prossimi giorni.

    Non è infatti dato di sapere se e quando inizieranno le operazioni per il risveglio. Perché, come detto, le condizioni sono davvero critiche.

    I carabinieri della Stazione sancascianese intanto continuano le loro indagini, su quella che a tutti gli effetti può essere ritenuta una spedizione che puntava probabilmente a uccidere il 44enne.

    O, quanto meno, una spedizione punitiva (da capire, ovviamente, per cosa e da parte di chi), diventata poi quasi un omicidio.

    Per una vicenda che, come comprensibile, ha lasciato sconcertati i mercatalini: increduli davanti a tanta violenza, direttamente nel cuore del paese.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...