spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per il quinto centenario, super calendario di eventi con il suo centro a Sant’Andrea in Percussina

    San Casciano sarà al centro del mondo nel biennio 2013-2014, e nella frazione di Sant’Andrea in Percussina si potrà scoprire come Niccolò Machiavelli vi passò l’esilio: "Mangiato che ho – scriveva nella sua corrispondenza a proposito dell'osteria del paese – ritorno nell’osteria: quivi è l’oste, per l’ordinario, un beccaio, un mugnaio, dua fornaciai. Con questi io m’ingaglioffo per tutto dì giuocando  a cricca, a tricche-trach, e poi dove nascono mille contese e infiniti dispetti di parole ingiuriose, e il più delle volte si combatte un quattrino e siamo sentiti non di manco gridare da San Casciano".

     

    Qui compose “Il Principe”, l’opera che lo rese famoso e che proprio in questo 2013 compie 500 anni dalla sua stesura. Il programma delle iniziative e celebrazioni è stato presentato nella sala della Biblioteca degli Uffizi da Valdo Spini (presidente del Comitato per le Celebrazioni), Cristina Acidini (Soprintendente al Polo Museale), Maria Letizia Sebastiani (direttrice Biblioteca Nazionale), Francesca de Luca del Polo Museale, Gian Bruno Ravenni per la Regione Toscana, Carla Zarilli direttrice Archivio di Stato, Claudio di Benedetto direttore della Biblioteca Uffizi. E ancora Sergio Givone (assessore alla cultura Comune Firenze), Chiara Molducci (assessore alla cultura del Comune di San Casciano).

     

    “"Il Principe” – ha detto Valdo Spini (in foto sopra assieme all'assessore sancascianese Molducci) – è il libro italiano più tradotto nel mondo, insieme a quello di un altro nostro corregionale, Carlo Lorenzini detto Collodi e al suo "Pinocchio".

     

    Il calendario è ricco di eventi: si parte il 15 febbraio con la presentazione della “Rievocazione storica del bando e cattura di Niccolò Machiavelli (Firenze 19 febbraio 1513 – 19 febbraio 2013)” a cura della Harvard University , Villa I Tatti. Così il 19 febbraio 2013, come avvenne cinquecento anni fa, Firenze sarà percorsa da un araldo a cavallo accompagnato da degli armigeri che leggeranno un bando che dice “Chiunque sappia dov’è Machiavelli lo deve dire entro un’ora, pena confiscazione dei beni”. Il tutto avvenne in 27 luoghi della città, ma la rievocazione storica avverrà  solo in alcuni punti della zona blu di Firenze, cui segue la prigionia di Machiavelli al Bargello. Sarà il lancio ufficiale di tutte le altre iniziative.

     

    Per il momento noi ci soffermiamo su quelle che avranno svolgimento a San Casciano, Sant’Andrea in Percussina: Lectiones magistrale da luglio a dicembre 2013; letture critiche del "Principe" da settembre 2013 a aprile 2014; borse di studio; attività didattica per le scuole (settembre 2013-giugno 2014); conferenze (settembre 2013-giugno 2014); spettacoli teatrali (maggio-dicembre 2013); una rassegna cinematografica (ottobre-novembre 2013); un concorso fotografico (novembre-dicembre 2013); trekking urbano (giugno-settembre 2013); iniziative turistico-gastronomiche (aprile-giugno 2013).

     

    Valdo Spini ha si è poi rallegrato con il Comune di San Casciano per il programma ricco d’iniziative. Seguiranno mostre presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, a cura di B.N.C.F., Polo Museale, Archivio di Stato di Firenze. Verranno esposti manoscritti, libri, documenti e opere iconografiche. 

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...