spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A San Casciano mezzo paese sta aiutando la pappagallina Yuna a ritrovare la via di casa

    Individuata (due volte) su alberi in paese, si sta cercando di farla "scendere". Ma al momento con zero risultati...

    SAN CASCIANO – Forse passerà ancora una notte fuori dalla sua casa, stavolta sulla cima di un alto cipresso nel parco del Convento dei Cappuccini, in via Grandi.

    Yuna, il pappagallo Ara giallo-blu, femmina di tre mesi, scappato da casa domenica 15 ottobre da via della Libertà, in direzione Decimo.

    I proprietari di Yuna hanno chiesto l’aiuto anche al Gazzettino del Chianti per riuscire, grazie alle segnalazioni di avvistamento dei lettori, a riportarla a casa.

    Telefonate di avvistamento che non sono mancate, con mezzo paese che sta cercando di dare una mano: tanto che nella mattina di martedì 17 ottobre Yuna si è fatta vedere (e sentire) nel parcheggio dei Chisci. Per poi andare sulla cima di un ramo di un albero in piazza della Repubblica.

    Qui è stata raggiunta dai suoi proprietari, che hanno cercato in tutte le maniere di farla scendere per riprenderla. Niente da fare!

    È rimasta appollaiata sul ramo, gracchiando alla sua maniera. Sono stati fatti tutti i tentativi: dalla chiamata ai vigili del fuoco, alle associazioni animaliste, ai lavoratori su corda, ai giardinieri dotati di cestello.

    Ma niente da fare, ognuno ha spiegato le difficoltà nel tentare un recupero del genere su un animale che, ovviamente, può volare via.

    Intanto Yuna nel tardo pomeriggio, con le persone che la stavano osservando con il naso all’insù, ha spiccato di nuovo il volo verso Borgo Sarchiani, con attaccato alla zampa una parte del filo che la teneva sul posatoio.

    Sembrava persa un’altra volta nel nulla, poi un paio di telefonate: “Abbiamo visto il pappagallo volare nel parco dei Cappuccini!”.

    Altra corsa, altra speranza di portarla finalmente a casa, ma ormai il buio incombeva e lei, imperterrita, in cima al cipresso ha fatto sentire i suoi lamenti.

    “Non la lasceremo – hanno detto i suoi proprietari – rimarremo qui tutta la notte!”.

    La speranza è che non riparta a volare, il buio non consentirebbe di vedere dove questa volta potrà andare a posarsi.

    Salvo che non riesca, presa dalla fame, a decidersi a planare sul piccolo campo di calcio dei Cappuccini. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...