spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A San Casciano nasce un festival dedicato al pensiero di Niccolò Machiavelli

    "Machiavellerie": il Comune promuove una tre giorni, dal 17 al 19 settembre, con la partecipazione di illustri esponenti del mondo culturale nazionale

    SAN CASCIANO – Dal 17 al 19 settembre va in scena nel cuore del Chianti, a San Casciano, la prima edizione del Festival “Machiavellerie”, incentrato sulla figura e l’opera del più illustre inquilino sancascianese.

    Niccolò Machiavelli che nel borgo di Sant’Andrea in Percussina, da esiliato, compose nel 1513 il suo capolavoro, tra le opere più tradotte al mondo, “Il Principe” (De Principatibus).

    Il tema scelto “Guerre: fra la crisi e la rinascita” si inserisce nell’ambito del cinquecentenario della stampa Dell’Arte della Guerra di Niccolò Machiavelli (1521-2021). 

    Il Festival “Machiavellerie” nasce dalla collaborazione tra il Comune di San Casciano, l’Associazione Sgabuzzini storici APS, Arca Azzurra.

    Le riflessioni poste dal grande pensatore e letterato Niccolò Machiavelli, autore di uno dei più famosi trattati di dottrina politica di tutti i tempi, sono lo spunto per una programmazione di iniziative che spazia dalle Lectio Magistralis alle conferenze e agli incontri, dalle tavole rotonde alle mostre, spettacoli teatrali, proiezioni, percorsi nella natura e visite guidate.

    “Il filo conduttore – dichiara il sindaco Roberto Ciappi – è il pensiero machiavelliano raccontato e analizzato quale pensiero di Uomo Universale per la conoscenza del passato, ma anche per guardare al futuro”.

     Il festival ospiterà protagonisti del panorama culturale nazionale e internazionale tra storici, giornalisti, intellettuali, scrittori, illustratori, registi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...