lunedì 13 Luglio 2020
Altre aree

    Birreria Arci Babilonia: ultimo atto di un luogo rimasto nel cuore di molti

    Abbattuta, area bonificata, al suo posto un piccolo giardino: immobile nato dopo guera come lavatoio

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – Di quelle due stanze fatte a mattoni, tra il campo sportivo di Cerbaia e la casa del popolo in via Bini Smaghi, oggi rimane solo il ricordo.

     

    Perché l’area è stata del tutto bonificata e al suo posto è nato un piccolo giardino. Quelle due stanze erano nate subito dopo guerra a uso di lavatoi.

     

    "Ricordo che la mia mamma smise di andare a lavare i panni nel rigagnolo della Sugana – racconta un uomo che abbiamo trovato mentre osservava l’abbattimento – per andare a lavare nei nuovi lavatoi allestiti dal comune. Furono sfruttati per pochi anni però perché usciti dalla miseria e ricostruite le case, ben presto arrivarono le lavatrici e i lavatoi andarono deserti".

     

     

    Di questa struttura, oltre 30 anni fa, ne usufruirono dopo uno scontro con le "generazioni" di vecchi attivisti della casa del popolo di Cerbaia, un gruppo di amici.

     

    Come ha spiegato Massimiliano Malanchi, socio storico della casa del popolo: dimostrando loro che un altro modo di fare politica poteva esistere e lo dimostrarono.

     

    Nacque così, al posto dei lavatoi, una birreria che prese il nome di Babilonia. Un posto ideale per questi giovani fra i 16 e 25 anni. Vi organizzarono concerti live, spettacoli teatrali, proiezioni di film, lettura e dibattiti, riuscendo anche ad acquistare un videoproiettore, all’epoca oggetto raro nella zona.

     

     

    All’inizio del mese di febbraio 2020 sono iniziati i lavori di demolizione della birreria, diventata un deposito di sporcizia. E, in più, con la copertura in eternit che si stava lentamente deteriorando.

     

    "Era l’ora che si decidessero" sono stati i commenti di chi, in lontananza, osservava l’abbattimento da parte di una ruspa.

     

    "Finalmente – dice un altro mentre è in attesa per prendere l’acqua al fontanello – era diventato un ricettacolo di sporcizia e per qualcuno anche un orinatoio!".

     

     

    Abbiamo seguito e fotografato la fine degli ex lavatoi, trasformati in birreria Babilonia: nella mente di molti rimarrà il ricordo di un’immagine simbolo, disegnata da Mangone su una parete.

     

    Un uomo con i capelli ritti che si tiene la testa tra le mani e lo sguardo spiritato, al suo fianco un boccale di birra e l’immagine di una donna nuda tratta dalla rivista Frigidaire.

    di ANTONIO TADDEI

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...