martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Abbattute due querce nel boschetto dell'”Uccellare” a Spedaletto: erano a rischio crollo

    Alle operazioni ha assistito anche un gruppo di anziani che si ritrova spesso all'ombra di questi alberi. Prima con qualche protesta... si sono arresi di fronte all'evidenza della condizione degli alberi

    SPEDALETTO (SAN CASCIANO) – Nella mattinata di ieri, mercoledì 21 ottobre, complice anche la bella giornata, un gruppetto di pensionati ha assistito in via don Milani, frazione di Spedaletto, all’abbattimento di due querce da parte di una ditta specializzata.

    All’inizio l’operazione non è stata presa molto bene da parte di alcuni frequentatori di questo boschetto (chiamato da tutti l'”Uccellare”), abituati a giocare anche a carte nei periodi estivi sotto alle querce.

    Ma poi si sono arresi dietro le spiegazioni degli addetti al taglio. E all’evidenza.

    I due grossi fusti all’interno erano in sostanza marci; in modo particolare la quercia che sembrava meno malata è risultata molto più pericolosa. A forte rischio di crollo.

    Entrambe sembravano sane quindi, ma in realtà non era così.

    Tra l’altro, quella rivolta verso via Scopeti, negli anni scorsi era stata colpita da un fulmine, che aveva lasciato un’evidente e lunga cicatrice sul fusto.

    Tanto che non è da escludere che questa “ferita” sia stata la causa dell’indebolimento.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...