giovedì 21 Gennaio 2021
Altre aree

    Abusi edilizi e gestione illecita dei rifiuti: operazione dei carabinieri forestali di San Casciano

    Importante intervento su un'area nel comune di Firenze nella quale, in mezzo a fabbricati abusivi, si bruciavano materiali per recuperare rame, ottone, alluminio, ferro. Denuciati due uomini

    SAN CASCIANO-FIRENZE – I militari della Stazione carabinieri forestale di San Casciano, insieme a quelli della Stazione carabinieri forestale di Ceppeto, hanno portato a termine una operazione molto importante.

    Iniziata con un accertamento presso un’area situata in via Gamberini, nel comune di Firenze. Da un’area recintata e chiusa da cancello automatico hanno visto fuoriuscire un fumo scuro, di odore acre, mentre si sentivano dei rumori riconducibili all’uso di attrezzature, come flessibili e colpi di martello.

    Una volta entrati, hanno identificatoun uomo di origini rumene, intento ad effettuare uno smaltimento di rifiuti speciali tramite abbruciamento, finalizzato ad estrarre rame da vecchi motori elettrici.

    Successivamente è arrivato sul posto un uomo di origini albanesi, che ha dichiarato di avere la disponibilità dei luoghi secondo un accordo verbale con il proprietario.

    All’interno dell’area è stata accertata una attività di gestione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, consistente nel deposito e successive lavorazioni di separazione e cernita dei materiali, con lo scopo di ricavarne materiali con valore commerciale, come rame, ottone, alluminio, ferro.

    In particolare erano depositati, in parte sul suolo in parte all’interno di capannoni prefabbricati, rifiuti speciali ossia motori elettrici, batterie esauste, elettrodomestici, cavi elettrici e altri materiali metallici di varia natura oltre i cassoni dove erano stati stoccati i materiali estratti.

    Sulla superfice utilizzata per le attività erano presenti manufatti edili e strumentazione riconducibile alle attività d’impresa del proprietario del fondo. Tali fabbricati, su dichiarazioni rilasciate dallo stesso proprietario, erano stati realizzati abusivamente.

    In particolare era presente un manufatto in muratura, suddiviso in tre locali, di cui due utilizzati come deposito materiali mentre il terzo usato come civile abitazione, attrezzata con letto, stufa economica, bagno e con oggetti personali che confermavano l’uso abitativo in corso.

    Essendo in atto una attività di gestione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, realizzata in assenza delle dovute autorizzazioni e essendo stati realizzati manufatti di natura edilizia, in assenza di titoli abilitativi, i carabinieri forestali hanno proceduto al sequestro di iniziativa dell’area e dei rifiuti e materiali presenti.

    Sono stati denunciati all’autorità giudiziatia i due uomini, l’uno per smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non tramite combustione, entrambi per la gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e non, infine il proprietario per aver realizzato manufatti senza permesso di costruire.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...