spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A distanza di pochi giorni se ne vanno Ottavio Rinaldi e Tina Bucciarelli: il ricordo

    SAN CASCIANO – A distanza di pochi giorni sono venuti a mancare due “custodi” (oggi sono chiamati collaboratori scolastici) storici, quando le scuole elementari di San Casciano erano in via Roma e successivamente in via del Cassero.

     

    Ottavio Rinaldi, 75 anni, residente a Mercatale e Tina Bucciarelli, 94 anni, residente a San Casciano. Due persone che in molti ricorderanno per la loro semplicità e l’amore per il loro lavoro.

     

    Un punto di riferimento importante per tanti scolari, qualcuno dei quali oggi già (addirittura) nonno.

     

    Ottavio prima di fare il “custode” aveva lavorato presso la Tipografia Stianti e successivamente entrò nella scuola elementare. Grande appassionato di caccia, una volta in pensione è stato quello il suo unico svago, senza però mai saltare l’appuntamento del lunedì, giorno di mercato a San Casciano, per incontrarsi con gli amici.

     

    Tina, sposata con Giulio, impiegato presso il Comune rimase presto vedova: la sua vita la divideva con i suoi ragazzi delle elementari. Mai dimenticata per i suoi modi gentili, conservava nella parete del salotto i disegni che al momento di andare in pensione gli regalarono i suoi “bambini”.

     

    Grande donna di fede, conservava un antico Presepe in cera tramandato di generazione in generazione: il suo desiderio era che al momento della sua morte quel Presepe fosse donato alla Confraternita della Misericordia di San Casciano.

     

    E il destino ha voluto che quel Presepe venisse esposto insieme con altri, sotto l’altare di fronte alla sua salma portata nella chiesa della Misericordia proprio nei giorni in cui si festeggia la nascita di Gesù Bambino.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...