spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Si è spenta Valeria Guasti: il paese dice addio alla donna delle spezie

    Funerali sabato 24 settembre alle 15.30. A lungo aveva avuto un negozio speciale proprio davanti all'Orologio

    SAN CASCIANO – E’ venuta a mancare all’età di 60 anni Valeria Guasti. Con grande competenza e passione nel 1989 acquistò da Francesco Ciappi l’antica drogheria fondata nel 1886 da Giuseppe Ciappi, nella principale piazza Pierozzi. Proprio davanti alla torre dell'Orologio.

     

    Sul retro s’immagazzinavano le spezie e durante la settimana si tostava il caffè. Una bottega dai sapori antichi, tanto che Valeria volle mantenere l’antica intestazione “Ditta Giuseppe Ciappi”.

     

    Nel 2004, con grande dispiacere per Valeria, la bottega si trasferì nella zona artigianale del Bardella, dove trovò posto anche il vecchio mulino ancora funzionate. Ma erano in tanti ad andare a trovarla per quei profumi e quei sapori.

     

    "Mi piacerebbe che questo mulino un giorno tornasse a fare le sue funzioni – ci raccontò Valeria durante un'intervista – e far sì che le persone possano venire a visitarlo, così come sarebbe altrettanto bello accogliere anche i ragazzi delle scuole per fargli conoscere un pezzo di storia del nostro paese".

     

    Nel negozio ancora oggi arrivavano spezie da tutto il mondo. E lì Valeria riusciva a miscelarle, usando ancora antiche e segrete ricette che custodiva gelosamente.

     

    Purtroppo nel pomeriggio di giovedì 22 settembre è venuta a mancare nell’ospedale di Careggi a Firenze. Le esequie saranno celebrate oggi, sabato 24 settembre, presso la Pieve di Santa Cecilia a Decimo alle 15.30.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...