spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aicha, da San Casciano a “L’Eredità” su Rai 1: tredici puntate piene di risposte e… sorrisi. Ha vinto 41mila euro

    Si è chiusa ieri l'esperienza al quiz televisivo per la 21enne sancascianese che la sera, all'ora di cena, ha tenuto incollati i suoi concittadini alla tv

    SAN CASCIANO – E’ un periodo fortunato per i concorrenti del Chianti, che stanno partecipando “a ripetizione” ai vari programmi a quiz in televisione. Come concorrenti o come ospiti.

    L’ultima a partecipare con successo è Aicha, una giovane ragazza (21 anni) di San Casciano. Che per quasi tre settimane ha tenuto i sancascianesi incollati al teleschermo.

    E che si è distinta non solo per la sua bravura, ma anche per la simpatia: dietro un pizzico di timidezza, con una cascata di riccioli e il sorriso dolce, ha conquistato il conduttore, Flavio Insinna. E tutto il pubblico.

    Abbiamo incontrato Aicha ieri, ultimo suo giorno di presenza a “L’Eredità”, su Rai 1.

    Com’è nata l’idea di partecipare al quiz?

    “Mi ha iscritto una mia amica senza che io lo sapessi. Mi ero particolarmente appassionata nel periodo del Covid a vedere “L’Eredità”; era diventato il mio programma preferito e riuscivo a rispondere alle domande, a trovare le risposte esatte. Così la mia amica Anna mi ha fatto la sorpresa. Quando mi hanno chiamato per fare i provini non ci credevo. Poi ho detto: ma sì, non ho nulla da perdere, vado”.

    Per quante puntate hai partecipato?

    “Tredici, tutte registrate a Roma”.

    I concorrenti erano ben preparati?

    “Sì, in modo particolare Alessio. Molto bravo, veniva da trentacinque puntate”.

    Hai fatto amicizia con i partecipanti?

    “Sì, devo dire che mi sono trovata molto bene con tutti i concorrenti. In particolare con Alessia, ci aiutavamo a vicenda”.

    Che effetto ti fa oggi vedere il programma pensando che fino a poco fa eri lì, in quello studio?

    “Fa un effetto strano, sono cose che non capitano spesso. Specialmente vedere le persone con cui ho interagito ancora oggi lì”.

    Flavio Insinna dal vivo, come è?

    “Molto carino, ci parlava e ci spiegava le regole del gioco tutte le volte prima di andare in onda. Quando sono andata via mi ha salutato con tanta stima: devo dire che mi sono sentita molto amata anche dalla produzione. Al momento in cui ho finito l’esperienza sono venuti a salutarmi in camerino. Sono stati davvero bravi”.

    In tante persone ti hanno seguito da San Casciano, facendo il tifo per te.

    “In paese quando mi trovano mi fermano, mi fanno un sacco di complimenti. Chi non ha confidenza con me mi osserva, e c’è chi mi chiede: “Sei tu quella che era all’”Eredità?”. Tutto questo mi sembra tanto strano”.

    Quanto sei riuscita a vincere?

    “Circa quarantunomila euro”.

    Pensi dopo questa esperienza di provare a partecipare a qualche altro gioco in TV?

    “No, basta. Penso di avere… già dato”.

    Che scuola frequenti?

    “Sto frequentando l’Università degli Studi di Firenze, facoltà di Giurisprudenza, dove mi trovo benissimo”.

    Salutiamo Aicha, che ci tiene a ringraziare l’amica Anna e tutti i suoi sostenitori (sancascianesi e non) che l’hanno seguita con affetto. E che sono stati davvero tanti. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...