spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Amici Miei Atto II”: il 19 marzo si scopre una targa in memoria al Tondo delle Corti

    Nel punto in cui venne girata una delle scene più famose della trilogia, quella della "defecatio isterica" dello strozzino Savino Capogreco. Poi, proiezione del film e cena a tema

    SAN CASCIANO – “Che cosa è è il genio? E’ fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità di esecuzione…”.

    Chi non ricorda questa frase di “Amici Miei Atto II”, preludio a una delle scene più iconiche del capolavoro di Mario Monicelli?

    Siamo al Tondo delle Corti, lungo via Grevigiana, prima che venisse allargato e si mostrasse nella sua configurazione odierna.

    Proprio qui si girò la scena della “defecatio isterica” dello strozzino Savino Capogreco.

    E proprio qui, il 19 marzo alle 16, in occasione del quarantennale dell’uscita nelle sale del film (e dei cento anni dalla nascita di Ugo Tognazzi) verrà apposta una targa in memoria.

    Per quella che sarà una sorta di “giornata-zingarata”, che proseguirà con la proiezione del film al Cinema Everest di San Casciano e una cena a tema (informazioni su costi e prenotazioni alla mail cinema@supercazzola.it).

     

    Lo scoprimento della targa avverrà alla presenza del sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi,dello scenografo Lorenzo Baraldi e della moglie, la costumista Gianna Gissi.

    Entrambi vincitori del David di Donatello, scenografo e costumista di “Amici Miei Atto II”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...