spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Analisi del voto, Claudio Gemelli: “Grande centrodestra nel Chianti fiorentino, in particolare FdI”

    Claudio Gemelli, capogruppo di centrodestra in consiglio comunale a Greve in Chianti e e presidente provinciale di FdI: "Risultati impensabili fino a poco tempo fa"

    CHIANTI FIORENTINO – “Grande risultato per il centrodestra nel Chianti fiorentino, e in particolare Fratelli d’Italia. Che da solo supera il 20% a Greve, il 21% a San Casciano e il 23% a Barberino Tavarnelle, quintuplicando il dato del 2018”.

    E’ il commento al voto di domenica 25 settembre da parte di Claudio Gemelli, capogruppo di centrodestra in consiglio comunale a Greve in Chianti e e presidente provinciale di FdI.

    “Risultati impensabili solo fino a poco tempo fa” chiosa Gemelli.

    “L’altra notizia – rilancia – è la frenata ovunque del Pd e del centrosinistra, che ormai convince sempre meno con le sue proposte, sia a livello nazionale che a livello locale”.

    “E appunto – riprende Gemelli – viene penalizzato dai cittadini, che non votano più per tradizione solo a sinistra ma evidentemente riescono a guardare anche altrove”.

    “Risultato ancora peggiore – puntualizza – se si guardano i voti assoluti (decisamente in calo) invece che le percentuali”

    “Il successo nel Chianti fiorentino – conclude Gemelli – è un risultato straordinario, visto il notevole aumento dei consensi per il partito di Giorgia Meloni, che riesce ad essere attrattivo per un territorio fondamentale della provincia di Firenze”.

    Elezioni politiche 2022: tutti i risultati nei nostri comuni. Ecco come sono andati i singoli partiti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua