spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arte, cultura, storia: i più piccoli potranno scoprire San Casciano con un kit pensato “su misura”

    Il progetto sarà presentato sabato 2 aprile alle ore 17 presso la sala Lucia Bagni della biblioteca comunale

    SAN CASCIANO – I colori e le forme dell’arte sono “cibo” per la mente dei più piccoli.

    Dopo i tour guidati, le cacce al tesoro per le vie storiche di San Casciano e le audioguide realizzate con le voci dei più piccoli, arriva il kit “A misura di bambino”.

    Un insieme allegro e colorato di strumenti che invitano a conoscere in chiave ludica e didattica i tesori, le opere, i simboli e le antiche storie che vivono all’interno del museo Giuliano Ghelli e tra le architetture esterne del patrimonio culturale di San Casciano.

    Un’illustratrice e tre storiche dell’arte sono le autrici del progetto che arricchisce e valorizza la didattica museale di San Casciano, realizzato dalla sezione didattica dell’associazione Amici del Museo di Impruneta e San Casciano Marcello Possenti APS.

    Sono Rebecca Serchi, che ha curato i contenuti e le illustrazioni, Serena Bianchi, Alice Chiostrini e Francesca Goggioli, le storiche dell’arte, attive nel dipartimento educativo del Sistema Museale Chianti Valdarno, che si sono occupate dei contenuti dei materiali del kit rivolto a bambini di età compresa fra i 5 e gli 11 anni, a disposizione delle famiglie.

    Il nuovo servizio gratuito, che ha la funzione di stimolare maggiormente l’interesse delle bambine e dei bambini e accompagnarli nel percorso che possono effettuare in maniera autonoma, insieme ai genitori, alla scoperta sia del museo sia dei siti di interesse del paese, sarà presentato sabato 2 aprile alle ore 17 nella sala conferenze Lucia Bagni della biblioteca comunale di San Casciano.

    Il kit comprende uno zainetto che contiene a sua volta un libretto e dei materiali di approfondimento che propongono giochi e attività divertenti ai più piccoli.

    “Ci piace l’idea di proporre una sorta di museo fai da te da condividere in famiglia – commenta l’assessore alla cultura Maura Masini – in cui il kit, gratuito, rivolto a bambini e alle loro famiglie in visita, possa favorire lo sviluppo diretto della loro conoscenza. E invitarli a un percorso di esplorazione della collezione museale in base alle esigenze, alle attitudini e alle aspettative degli stessi visitatori”.

    Il progetto si avvale del contributo della Fondazione CR Firenze e del Comune di San Casciano, ed è stato realizzato in collaborazione con le associazioni Sgabuzzini Storici e La Porticciola. E Lorenzo Borghi per la realizzazione del logo. Il kit è disponibile presso il museo Ghelli e la biblioteca comunale.

    “Ci auguriamo che questo nuovo strumento – dichiara la coordinatrice del Sistema Museale Nicoletta Matteuzzi, nonché direttrice del Museo Giuliano Ghelli di San Casciano – possa fornire uno stimolo in più volto alla conoscenza e alla promozione all’informazione del ricco patrimonio storico-artistico che caratterizza e connota il nostro territorio”.

    “Un’esperienza – dice con sicurezza – che potrà essere esportata e diffusa anche tra gli altri musei che appartengono alla rete del Sistema museale del Chianti e del Valdarno Fiorentino”.

    “Un bel progetto che mette insieme giovani professionalità e offre un modo diverso di fruire dell’arte – conclude il sindaco Roberto Ciappi – gli oggetti e gli strumenti pensati per i più piccoli permettono di familiarizzare con il patrimonio artistico, un linguaggio, “un gioco raffinato”, come lo chiamava lo scultore Marino Marini, che appartiene ai bambini”.

    L’ingresso alla presentazione è consentito tramite GreenPass. Info e prenotazioni: 05582563800558256385.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...