spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autocisterna passa da San Pancrazio per chiusura Fi-Pi-Li: e si “pianta” in salita

    Diretta a Napoli. Strada chiusa e lunghe manovre per riuscire a sbloccarla. E farla riparitre lungo la Certaldese

    SAN PANCRAZIO (SAN CASCIANO) –  Un’ autocisterna carica di olio per motori si è fermata nel primo pomeriggio di giovedì 28 marzo sul tratto di salita di via Certaldese, a poche centinaia di metri da San Pancrazio, non riuscendo ad affrontare l'ultimo tratto.

     

    Autocisterna che era partita dal porto di Livorno e che, dopo avere fatto il carico d’olio, era diretta a Napoli. Ma perché passare proprio da lì?

     

     

    L’autista si è giustificato dicendo di essere uscito dalla Fi-Pi-Li a causa della chiusura di un tratto di quest’ultima, ritrovandosi prima a Baccaiano nel comune di Montespertoli, per poi arrivare ad affrontare la via Certaldese.

     

    Il caso ha voluto che passasse una pattuglia dei carabinieri forestali, che hanno posizionato la loro auto con i lampeggianti accesi per segnalare il pericolo, visto che il grosso mezzo occupava la corsia di marcia direzione San Pancrazio. E come se non bastasse su una curva pericolosa.

     

     

    Nel frattempo sono arrivati anche gli agenti della polizia locale dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino da San Casciano, per regolare il traffico, non intenso vista l’ora, mentre si è reso disponibile un trattorista che ha cercato di trainare il mezzo. Senza riuscirci.

     

    C’e voluta la pazienza dell’autista dell’autocisterna che, dopo dopo diverse prove, è riuscito nell’impresa di affrontare la ripida salita.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...