spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bar Da i’ Moro: a Cerbaia festeggia 90 anni di attività con la stagione del gelato

    1932-2022: 90 anni, tre generazioni a conduzione familiare tutta al femminile, tra tradizione, passione, prodotti genuini a km 0 e gelati speciali

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – Era il lontano 1932, quando Serafino Masi, conosciuto da tutti a Cerbaia come “I’ Morino”, aprì questa ormai storica e conosciutissima attività, nel cuore del paese.

    All’epoca nacque come semplice latteria: Serafino prendeva il latte dai pastori della zona, lo bolliva e lo vendeva alla vecchia maniera.

    In bottega oppure, su richiesta, lo consegnava a casa: un quartino, mezzo litro, un litro.

    Poi, piano piano, arrivò il caffè. Che in quegli anni si faceva con una macchina che andava a carbone.

    Il bar negli anni passò poi alle figlie, Angiolina, Tina e Maria. Che per tutta la vita portarono avanti l’attività, con grande simpatia e passione, tra l’altro diventando la prima gelateria artigianale della zona.

    Oggi, dopo novanta anni, presenti ogni giorno al bancone del bar e nel laboratorio del gelato, troviamo le nipoti di quel “Morino”, Susanna e Laura Gori.

    Oggi siamo alla terza generazione di gestione familiare tutta e da sempre al femminile.

    Perché da quel lontano 1932 al sapore di latte e caffè, le donne della famiglia hanno sempre gestito l’attività.

    Facendola diventare non solo una delle attività storiche più longeve del nostro territorio, ma anche e soprattutto un punto di riferimento e garanzia di qualità, a Cerbaia e oltre.

    Susanna e Laura, gentilissime e sempre sorridenti, oggi propongono nel loro bar-caffetteria-gelateria, prodotti davvero speciali.

    Non solo perché fatti con passione e attenzione alle materie prime. Ma anche perché, ancora oggi, qui si fanno le cose seguendo le vecchie ricette che la loro mamma Angiolina e le zie hanno tramandato. Come ad esempio quella del gelato.

    “Per i gelati, i semifreddi e i dolci – raccontano Laura e Susanna – si usano solo uova e latte freschi, frutta di stagione e materie prime a Km 0. Non usiamo nessun preparato, perché vogliamo dare ai nostri clienti prodotti davvero genuini. Legati al territorio, alla stagionalità, con una particolare attenzione anche alle intolleranze alimentari”.

    Nel bellissimo e colorato banco del gelato possiamo trovare i gusti classici, ma anche qualcosa di molto speciale in base alla stagione: il gelato alla ciliegia, alla salvia, alla pesca, al pinolo, al pecorino stagionato in grotta con le pere, al riso, al vinsanto… .

    “Anche il caffè rimane tradizionalmente legato al territorio – aggiungono le sorelle Gori – Fin da quei lontani anni ’30, qui il caffè è sempre stato lo stesso quello dalla Torrefazione Panzani di San Casciano, il Caffè Gabry. E anche questa è un’attività a conduzione familiare alla terza generazione”.

    Da 25 anni il Bar da i’ Moro fa parte dell’AIC e propone prodotti per i celiaci, gelati senza glutine, proposte vegane e senza lattosio.

    L’estate è la stagione dei gelati, ma anche dei semifreddi. Fatti anche questi con le “vecchie” ricette tramandate con amore: la zuppa inglese, la diplomatica, lo scendiletto.

    E poi ancora pastiera napoletana, le zeppole, i cannoli alla siciliana, i semifreddi mignon per tutti i gusti, dal cioccolato alla frutta.

    Al Bar da i’ Moro si possono trovare cose buone e genuine. Da sempre. Fatte con attenzione e passione: per regalarsi o regalare un momento dolce e fresco in questa estate così calda.

    Non rimane che… assaggiare.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...