spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo le modifiche a San Casciano e Mercatale, i piccoli bidoni sono usati come “ripiego”

    SAN CASCIANO – "Da quando sono entrati in funzione i cassonetti con la calotta, noi che usufruiamo dei bidoncini ci troviamo un po’ di tutto. Sia all’interno che all’esterno".

     

    E’ quanto ci ha segnalato una nostra lettrice che abita in una zona dove, per ovvi motivi, non è possibile collocare i classici cassonetti, ma sono sufficienti i bidoncini più piccoli (vedi foto).

     

    Effettivamente questo problema lo abbiamo notato anche in altre zone, magari in quelle più appartate e fuori dal paese.

     

    Questo perché se una volta bastava tirare su il coperchio e buttare l’immondizia in qualsiasi cassonetto, adesso dopo l’installazione della calotta se non si ha la chiave non è più possibile: così ecco che i bidoncini sono diventati una sorta di "ripiego".

     

    Ma non dovrebbe certo essere così, e a pagarne le conseguenze sono coloro che hanno il diritto a usarli. E che invece spesso, trovandoli pieni di materiale (anche indifferenziato), sono costretti a riportarsi a casa gli scarti in attesa della prossima vuotatura dei bidoncini.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...