spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dei 7mila verbali staccati, 4mila riguardano eccessi di velocità

    Un anno con meno incidenti e meno multe: è la buona notizia che emerge dal bilancio tracciato dalla polizia municipale di San Casciano. Il 2012 registra 58 sinistri di cui uno mortale, dato inferiore rispetto a quello che si rileva nell’anno precedente: 77, di cui 45 con feriti e uno mortale.

     

    Lo stesso esito positivo è dato dal raffronto sul numero delle violazioni accertate: se nel 2012 i verbali ammontano a 7.228, il 2011 ne conta 9.932. “Sono dati incoraggianti – commenta l’assessore alla polizia municipale Renzo Masi – che attestano un bilancio senza dubbio positivo; sono convinto che sul calo degli incidenti e la riduzione delle sanzioni abbia influito l’utilizzo di vari strumenti di cui ci avvaliamo per ridurre e prevenire situazioni di pericolo in favore di automobilisti e pedoni tra cui apparecchi Traffiphot, visualizzatori e dissuasori di velocità”.

     

    Tra le ultime installazioni ad esempio c’è quella del Traffiphot in località Croce in via Empolese e un’altra è stata richiesta per attivare una nuova postazione all’ingresso di Cerbaia nei pressi del cimitero.
     

     La causa dell’infrazione rimane legata all’eccesso di velocità. Delle complessive 7mila multe comminate nel corso del 2012 oltre 4mila sono state verbalizzate ad automobilisti che mal gestiscono il controllo della velocità, costituendo un pericolo per se stessi e gli altri. E’ questa una delle ragioni che ha indotto il Comune di San Casciano ad acquistare ulteriori strumenti atti a prevenire gli incidenti. 

     

    E’ quanto fa sapere il comandante della polizia municipale Mariagrazia Tosi. “Nei prossimi mesi  – dice – provvederemo ad installare sulle strade in cui la velocità eccessiva può causare situazioni di pericolo tre nuovi visualizzatori finalizzati a indurre gli automobilisti a rallentare e a non superare i limiti in vigore. I dissuasori di velocità possono dare un contributo sensibile alla prevenzione degli incidenti: essi infatti visualizzano tramite un display la velocità del veicolo fornendo un messaggio con gli eventuali punti da togliere dalla patente”.
     

    Tra i trasgressori spiccano anche quelli pizzicati per il mancato rispetto della pulizie delle strade (817), dell’esposizione del ticket per la sosta nei parcheggi a pagamento (1.108) o dell’ora di arrivo in area regolamentata da disco orario (50). Numerose le irregolarità registrate su sosta abusiva carico/scarico (48), spazio riservato a disabili (27), marciapiedi (51) e attraversamento pedonale (25).
     

    Inoltre, con l’ingresso del Comune di San Casciano nell’Unione comunale del Chianti fiorentino e il servizio della polizia municipale conferito all’ente dal 1 settembre, è possibile tracciare un primo bilancio dell’attività gestita insieme  ai Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle. Una trentina i sinistri rilevati e 200 circa i verbali elevati.
     

     “Quello del vigile urbano  – conclude il sindaco Massimiliano Pescini – è un compito molto difficile e spesso ingrato, le attività che oggi sono demandate al servizio della polizia di municipale sono molto più estese ed diversificate rispetto a qualche decennio fa; i numeri di questo bilancio dimostrano quanto i nostri agenti siano utili e indispensabili e quanto siano importanti la collaborazione e il rispetto delle regole da parte dei cittadini”.

    Nel 2011 i posti di controllo effettuati sul territorio comunale di San Casciano e legati ad accertamenti di polizia stradale sono stati 138. Sono stati effettuati anche svariati controlli attraverso l’utilizzo degli strumenti di rilevazione del tasso alcolemico.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...