spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chiamata a guidare le ragazze anche per la stagione 2013/2014. Conferma anche per 5 giocatrici

    Il primo campionato di serie A2 de Il Bisonte Azzurra San Casciano si è concluso da un mese, ma la società è già al lavoro per allestire la squadra per la prossima stagione.

     

    Ripartendo, ovviamente, da quanto di buono fatto quest’anno, con i play off sfiorati e un ottavo posto da
    considerare ottimo per una matricola partita per ottenere una salvezza tranquilla. Tante quindi le conferme, a partire dall’allenatrice Francesca Vannini (in foto), che siederà anche nella stagione 2013/14 sulla
    panchina de Il Bisonte: per lei la prossima sarà la settima annata a San Casciano, prima da giocatrice e poi da coach.

     

    Ai suoi ordini Vannini ritroverà l’intero reparto delle centrali: si sono guadagnate infatti la riconferma sia Federica Mastrodicasa (1988) che Floriana Bertone (1992), arrivate la scorsa estate in casa Azzurra, che Silvia Giovannelli (1981), già da due anni giocatrice de Il Bisonte. Fra le attaccanti laterali è stata confermata Giulia Pietrelli (1988), a San Casciano dal gennaio 2012, mentre il secondo libero sarà ancora Letizia Savelli (1985), la veterana del gruppo, pronta a giocare la sua quinta stagione con la maglia delle azzurrine.

     

    “Siamo molto soddisfatti – spiega il presidente dell’Azzurra San Casciano Elio Sità – perché abbiamo confermato una Vannini che al primo vero anno da allenatrice ha fatto subito vedere il suo carisma, e cinque giocatrici che si sono distinte, oltre che per il loro valore, anche per l’attaccamento alla maglia e la professionalità”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua