lunedì 13 Luglio 2020
Altre aree

    Le bombe di via Borromeo bloccano l’asfaltatura fra San Casciano e Mercatale

    L'appalto è lo stesso: fino a che non sarà risolta la bonifica, le asfaltature non potranno ripartire

    SAN CASCIANO – Gli ordigni bellici ritrovati in via Borromeo il 10 dicembre scorso, che resero necessaria una complicata operazione di bonifica che tenne anche decine di famiglie fuori di casa, stanno rallentando l'asfaltatura definitiva della strada che collega… San Casciano con Mercatale, ovvero via Grandi e poi via Grevigiana.

     

    Il motivo lo spiega Publiacqua, che ha l'onere dell'asfaltatura dopo i lavori di posa delle nuove tubazioni dell'acquedotto, e che abbiamo interpellato in seguito a numerose sollecitazioni di lettori che chiedono quando si potrà viaggiare senza scossoni (e pericoli) fra il capoluogo e Mercatale.

     

    "Il cantiere – dicono da Publiacqua riferendosi a quello in via Borromeo –  è stato sospeso quando mancavano circa 800 metri di scavo ed è stato quindi chiesto parere al Genio Ferroviario, che aveva chiesto a sua volta di rivedere le modalità di scavo per proseguire il lavoro in sicurezza e di interpellare il 5° Reparto dell'EI di Padova".

     

    "I nostri tecnici – prosegue il gestore idrico -hanno incontrato il 5° Reparto a metà gennaio e, in base alle loro prescrizioni, è in fase di realizzazione una perizia che poi dovrà essere approvata. Al momento non è possibile stabilire la data di ripartenza del cantiere stesso".

     

    Ma come mai quel cantiere blocca l'asfaltatura anche sull'altro percorso? "L’appalto – rispondono da Pbliacqua – è il medesimo. E medesima è la ditta: quindi è tutto fermo in attesa della valutazione della perizia e della risoluzione dei problemi legati agli ordigni. Che si portano dietro lungaggini burocratiche importanti".

    di MATTEO PUCCI

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...