spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiamme nella campagna intorno alla vecchia chiesa di Santa Cristina in Salivolpe: tutte le immagini

    Sul posto, vigili del fuoco e volontari de La Racchetta. Il fuoco si è sviluppato in una vecchia oliveta attorno alla vecchia chiesa

    SANTA CRISTINA IN SALIVOLPE (SAN CASCIANO) – Incendio, attorno alle 20 di ieri, martedì 21 giugno, nella campagna di Santa Cristina in Salivolpe.

    Lungo il crinale che da San Pancrazio (comune di San Casciano) porta verso La Romita (comune di Barberino Tavarnelle).

    Le fiamme (ma soprattutto fumo) sono state a tratti visibili fin da San Casciano. Anche dai giardini del Piazzone.

    Sul posto si sono precipitati vigili del fuoco (due mezzi) e volontari de La Racchetta (San Casciano, Ferrone, Montespertoli, Panzano in Chianti e Marciola).

    Il fuoco si è sviluppato in una vecchia oliveta, attorno all’antica chiesa di Santa Cristina. E fin dentro alcuni ruderi intorno.

    Verso le 21 le fiamme erano state domate: un intervento rapido quanto prezioso quello dei volontari de La Racchetta e dei vigili del fuoco.

    Con la campagna arsa dal sole come in questo momento, lo sviluppo di un incendio di più vaste dimensioni è questione di attimi.

    Prezioso anche l’aiuto di un residente di Santa Cristina, che è corso a prendere il trattore formando una sorta di barriera arando il terreno, per evitare che il fuoco si espandesse su altre sterpaglie.

    Per poi aiutare i volontari ad ammassare la terra su un mucchio di tronchi incendiati.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...