spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Camper perde liquami in piazza al Bardella, uno dei quartieri più popolati

    Per una rottura accidentale sono finiti in tutta la piazza: fino quasi al fontanello dove si va a prendere l'acqua

    SAN CASCIANO – Preoccupazione tra residenti e coloro che nella tarda serata di ieri, mercoledì 17 agosto, sono transitati da via Fratelli Rosselli al Bardella, per esattezza nel parcheggio dove si trova il fontanello di Publiacqua inaugurato a gennaio.

     

    Dove era evidente lo sversamento di liquami provenienti da un camper parcheggiato nella piazza.

     

    A segnalare i disagi, le persone che si sono recate a prendere l’acqua al fontanello: a pochi metri un’evidente pozza di liquami nauseabondi rendeva l’aria irrespirabile, mentre una scia gialla attraversava il parcheggio.

     

    Il problema nell’immediato è stato  chi chiamare alle 23.30 per segnalare il quanto era successo? Solo alle prime ore di giovedì 18 agosto è stato verificato che il camper in sosta aveva avuto una rottura al cassone che conteneva i liquami.

     

    Tanto che i proprietari in un primo momento hanno provveduto a gettare sull’asfalto dell’acqua: cosa però insufficiente, perché in realtà ci sarà da fare una sorta di "bonifica" dell’area.

     

    Vuoi perché oltre ad essere un parcheggio, è un punto di ritrovo di anziani e bambini. E, come detto, a pochi metri si trova il fontanello, dove in molti si recano a prendere l’acqua per bere.  

     

    Da verificare anche, infine, la possibilità di lasciare il mezzo parcheggiato in quella zona pubblica.

     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...