spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I consiglieri comunali Francesco Nieddu (Pd) e Gianni mazzei (Sel) hanno chiesto delucidazioni

    Il caso Carapelli e i seri problemi occupazionali che stanno mettendo a rischio il lavoro di 28 dipendenti sono stati al centro del dibattito dell’ultima seduta del consiglio comunale di San Casciano.

     

    A destare attenzione sulla questione una domanda di attualità presentata dal gruppo di maggioranza ed in particolare da Francesco Nieddu, capogruppo Pd e da Gianni Mazzei, rappresentante del gruppo Sel. I consiglieri si sono rivolti al sindaco per chiedere delucidazioni sulla situazione e un aggiornamento sulla vertenza relativa alle procedure di mobilità avviate dall’azienda Carapelli per 28 dipendenti.

    “Abbiamo inteso formulare una domanda di attualità sulla difficile situazione che stanno attraversando i dipendenti della Carapelli – commenta Francesco Nieddu – perché siamo fortemente preoccupati per il loro futuro di lavoratori, sentimento peraltro condiviso anche dai gruppi di minoranza, una vicinanza che vorremmo fosse trasmessa nelle occasioni di incontro che le istituzioni avranno nei prossimi giorni con le organizzazioni sindacali e i lavoratori".

     

    "Inoltre – conclude – abbiamo chiesto al sindaco di comunicare ai rappresentanti sindacali che le istituzioni sono loro vicine e disposte, all'interno dei propri ruoli, a condividere e sostenere le istanze dei lavoratori”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...