spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In scena lo scorso 8 novembre con una cena a Villa Borromeo: sorrisi, incontri e tanti ricordi

    SAN CASCIANO – La cena-ritrovo è andata in scena venerdì 8 novembre scorso presso Villa Borromeo, a San Casciano: a ritrovarsi decine e decine di sancascianesi "classe" 1973, ovvero coloro che quest'anno hanno tagliato (o taglieranno nelle prossime settimane) la soglia dei quaranta.

     

    Un ingresso, quello negli "anta", che spesso è un po' da… metabolizzare. E cosa c'è di meglio se non un bel ritrovo fra tanti coetanei che, negli anni, pur essendo nati in un paese come San Casciano (che non è ovviamente New York), si sono un po' persi di vista… .

     

    Gente che ha iniziato a frequentarsi all'asilo, poi alle elementari, alle medie. Qualcuno anche alle superiori. Poi la vita che prende strade diverse: alcuni che si tengono in contatto mentre di altri, fisiologicamente, si perdono un po' le tracce.

     

    Fino a un venerdì sera di novembre, a un ritrovo che ha mischiato allegria e nostalgia. Del resto chi è nato nel 1973, così come tutte le generazioni pre-cellulare e pre-internet, ha avuto un'infanzia e un'adolescenza che hanno un sapore speciale.

     

    Quello del telefono a gettoni (o al massimo quello grigio con la "ruzzola", unico per tutti in casa, magari nell'ingresso), delle sorprese nelle merendine del Mulino Bianco, degli ultimi lampi dei 45 giri e del passaggio alle musicassette (con l'avvento del fantasmagorico walkman) fino, da più grandi, ai primi cd.

     

    E poi le videocassette, l'ascesa della tv commerciale (Bim Bum Bam, Ok il prezzo è giusto, Drive In, Il pranzo è servito… potremmo proseguire delle ore). I ritrovi nei circoli, davanti al juke box, senza prima essersi sentiti né su Facebook, né su Whatsapp: tanto si sapeva che qualcuno lo si sarebbe trovato.

     

    Il passaggio al motorino? Voleva dire Ciao, Fifty, Vespa. Gli scooter erano roba ancora lontana. Per i maschi il calcio non era certo quello delle pay tv o del campo di calcetto fissato per un'ora: ma quello delle partite nei piazzali sgombri di auto e dei Novantesimo Minuto.

     

    Di questo e di tanto altro hanno parlato l'8 novembre scorso: celebrando un ingresso negli "anta" che, vissuto insieme, fa meno… effetto.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...