spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cento anni di vita pubblica e amore per la politica. San Casciano augura buon compleanno Remo Ciapetti

    E' stato uno dei primi sindaci del dopoguerra. L'attuale primo cittadino: "Remo è uno dei papà di San Casciano"

    SAN CASCIANO – ‌Sono più di una ventina gli ultra centenari concentrati tra i comuni di San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle.

    Che non hanno perso per niente smalto e, anzi, possiedono energia e vitalità, sono loquaci e sorridenti, pieni di aneddoti e storie da raccontare e condividere con la comunità.

    Con il compleanno di Remo Ciapetti, uno dei primi sindaci del dopoguerra, San Casciano non solo annovera un ulteriore centenario che allunga la lista dei nonni chiantigiani nati negli anni venti del secolo scorso, ma celebra una figura di spicco nel mondo istituzionale.

    Un uomo che ha dedicato la propria vita alla politica e che ha vissuto e governato un importante pezzo di vita amministrativa, sociale e culturale della rinascita di San Casciano.

    Nato a San Casciano il 18 dicembre 1922, Remo Ciapetti contribuì alla ricostruzione del suo paese dedicandosi prima all’attività di sindacalista, poi in qualità di funzionario del partito comunista e dal 1955 al 1970 nel ruolo di primo cittadino, ricoperto dopo il mandato dei sindaci Angelo Chiesa e Aldo Giacometti.

    E’ autore di quattro volumi pubblicati negli anni 1979-2010: “Lotte politiche e sociali in Val di Pesa dal primo dopoguerra alla Liberazione (1919-1944)”, “Dante Tacci. Memorie di un antifascista (1910-1944)”, “Radici del nostro presente. Cronaca amministrativa del Comune di San Casciano dal 1946 al 1995” e “San Casciano dalle origini ai primi del Novecento. Un comune affacciato sul mondo”.

    Remo Ciapetti è anche il socio più anziano dell’associazione Auser presieduta da Giampaolo Ciuffi, che in occasione dell’incontro di fine anno, ha organizzato nel circolo Arci di San Casciano una festa insieme ai familiari e ai tanti cittadini giunti per il compleanno di Remo.

    Ad augurargli buon compleanno anche il sindaco Roberto Ciappi, la vicesindaca Elisabetta Masti e il consigliere regionale (ed ex sindaco) Massimiliano Pescini.

    “Gli anziani sono estremamente importanti per la crescita del nostro territorio – dichiara il sindaco Roberto Ciappi – la conoscenza del passato e delle nostre radici, sono testimonianze vive di memoria, rappresentano un patrimonio umano di altissimo valore, uno scrigno di buon senso, esperienza e saggezza da tenere sempre in primo piano”.

    “Condividere il traguardo dei 100 anni con Remo Ciapetti è un onore e un privilegio per tutti noi – prosegue Ciappi – Remo è uno dei papà di San Casciano, con il suo intenso cammino professionale e umano possiamo ripercorrere un lungo spaccato della storia del nostro territorio”.

    Anche la vicesindaca Elisabetta Masti, felice di aver preso parte ai festeggiamenti, ha reso omaggio alla straordinaria ricorrenza.

    “I nonni sono la nostra memoria – aggiunge – rappresentano un imprescindibile ponte di collegamento che unisce le generazioni e i passaggi storici, siamo lieti del fatto che a San Casciano, come negli altri comuni del Chianti, il dato dei centenari è elevato ed è destinato a crescere, segno di una qualità del vivere che in questo contesto genera benessere e salute soprattutto per le fasce più deboli della popolazione”.

    Remo Ciapetti ha avuto anche una carica provinciale, è stato assessore al personale alla Provincia di Firenze dal 1970 al 1975, e successivamente ha diretto, in qualità di presidente, l’Ente provinciale del Turismo di Firenze.

    “E’ una persona speciale – sono le parole della figlia, Sonia Ciapetti – che, pur avendo conseguito solo la quinta elementare, ha potuto realizzare le proprie ambizioni intellettuali e politiche da autodidatta, leggendo, studiando, informandosi, preparandosi con grande costanza e determinazione”.

    “Mio padre – conclude – è la dimostrazione che con la dedizione e la forza di volontà si può arrivare lontano, le idee chiare, la coerenza, la passione, la formazione permanente guidano senza timore il perseguimento di ogni strada”.

    Alla festa di compleanno, allestita in occasione del pranzo dei soci Auser, hanno preso parte circa 150 persone. Tra gli altri, sono venuti a trovare Remo anche gli ex sindaci Giancarlo Viccaro e Fabrizio Bandinelli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...