spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Novembre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Che bella storia la vita” fa incetta di premi al “Voce Spettacolo Film Festival” di Matera

    Trasferta di grandi soddisfazioni per il regista Alessandro Sarti, per Sergio Forconi e Roberto Caneschi

    SAN CASCIANO – Chissà se nel viaggio in auto da Firenze a Matera (e ritorno), il regista Alessandro Sarti, l’attore Sergio Forconi (grassinese, ma nato nel piccolo borgo di case a Pisignano, San Casciano), e un grande venditore d’auto di Impruneta (anche lui sancascianese doc) come Roberto Caneschi, avranno pensato alla trama di un nuovo film.

    Sicuramente di battute e risate se le sono fatte. Anche perché al ritorno nella mattinata di oggi, lunedì 25 settembre, portavano con loro i preziosi riconoscimenti vinti alla sesta rassegna cinematografica del “Voce Spettacolo Film Festival”, che si è tenuta domenica 24 settembre al Cineteatro Guerrieri di Matera.

    In concorso con ben quattordici altri film c’era anche “Che bella storia la vita”, per la regia di Alessandro Sarti.

    Grande la soddisfazione quando è stato assegnato il riconoscimento best film a “Che bella storia la vita”, l’Honorable Mention a Sergio Forconi, il Best Actress a Sandra Milo.

    Sassi di Matera, terra del Chianti, due località ben diverse tra loro, ognuna di queste con la propria storia: e, davvero, “Che bella storia è la vita”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...