giovedì 16 Luglio 2020
Altre aree

    ChiantiBanca: insieme al dg Bianchi si sono dimessi anche cinque consiglieri

    Via dal Cda Claudio Corsi, Stefano Mecocci, Becattini, Fusi e Viciani. Entra una professoressa senese come vice

    SAN CASCIANO – In parallelo alle dimissioni del direttore generale di ChiantiBanca Andrea Bianchi, hanno rimesso il loro mandato anche cinque consiglieri di amministrazione.

     

    # ARTICOLO / Andrea Bianchi non è più direttore generale di ChiantiBanca

     

    "Lorenzo Bini Smaghi – si legge in una nota della banca – presidente di ChiantiBanca, comunica che nella seduta di ieri, giovedì 9 marzo, il Consiglio di amministrazione ha cooptato la professoressa Elisabetta Montanaro, docente di Economia degli intermediari finanziari presso l’Università di Siena, quale membro del Consiglio di amministrazione. La professoressa Montanaro è stata nominata Vicepresidente di ChiantiBanca".

     

    "Nel corso della riunione – si legge ancora – il consiglio di amministrazione ha preso atto delle dimissioni dei consiglieri Claudio Corsi, Aldemaro Becattini, Mauro Fusi, Stefano Mecocci, Leonardo Viciani".

     

    "Tutto il consiglio di amministrazione – si conclude – si unisce al presidente nel ringraziare i consiglieri uscenti per il lavoro svolto in questi anni che ha consentito a ChiantiBanca di diventare banca di riferimento per l’intero territorio della Toscana".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...