spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Era stata chiusa causa allagamento nel tratto Bargino-Tavarnelle in direzione Siena

    Automobilisti tranquilli: l'Autopalio Firenze-Siena adesso si può percorrere in tutte e due le carreggiate. E' la sala operativa di Anas a dare la conferma.

    L'Anas aveva infatti comunicato nel pomeriggio che, a "causa di un allagamento dovuto al maltempo, sul Raccordo Autostradale Siena-Firenze è stato provvisoriamente chiuso al traffico il tratto della carreggiata in direzione Siena compreso tra gli svincoli di Bargino e Tavarnelle, in provincia di Firenze. Al momento gli automobilisti che viaggiano in direzione Siena vengono deviati allo svincolo di Bargino (km 44,300 del Raccordo Siena-Firenze) sulla strada regionale 2 Cassia, per poi rientrare sul Raccordo Autostradale Siena-Firenze allo svincolo di Tavarnelle (km 40,600)".

     

    "L'Anas – si leggeva nella nota – raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it/traffico oppure, grazie all`applicazione VAI, disponibile per Android, iPad e iPhone (www.stradeanas.it/vaiapp), su tutti gli smartphone e i tablet".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...