spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Col Silente: un Bolgheri Doc tutto da gustare nelle proposte di Castelli del Grevepesa

    Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot affinati per circa un anno in barriques di rovere francese, danno vita a un vino di grande complessità e struttura

    GABBIANO (SAN CASCIANO) – C’è anche un Bolgheri Doc tutto da gustare nell’ampia proposta dei Castelli del Grevepesa.

    Si chiama Col Silente, questo rosso, dal color rubino intenso, con riflessi viola.

    La grande struttura ed il corpo di questo vino sono la tipica espressione del territorio di Bolgheri, diamante incastonato tra la macchia mediterranea e il mare della costa Toscana, qui trovano la loro migliore espressione i vigneti internazionali.

    Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot affinati per circa un anno in barriques di rovere francese, danno vita a Col Silente, un vino di grande complessità e struttura.

    Immergendo il naso nel bicchiere le note varietali del cabernet sauvignon emergono avvolte da quelle fruttate e più calde del merlot, in armonia.

    Qui la scheda tecnica e l’acquisto online. Lo si trova anche nello shop presso le Cantine Castelli del Grevepesa, a Gabbiano (sotto tutti gli indirizzi e i contatti).


    Sede: Castelli del Grevepesa, via Gabbiano 34, San Casciano Val di Pesa

    Telefono055821911

    Sito webwww.castellidelgrevepesa.it

    Shop onlinewww.shop.castellidelgrevepesa.it

    Facebookwww.facebook.com/grevepesa

    Negozio: via Gabbiano 34, San Casciano Val di Pesa – vinoteca@castellidelgrevepesa.it

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua