venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Contributi alle scuole: 5.549 euro all’Istituto Comprensivo Il Principe di San Casciano

    Attuata la delibera che destina risorse alle scuole toscane per la didattica a distanza, consentendo agli istituti di contare su moderne tecnologie informatiche

    SAN CASCIANO – “Ben 500 mila euro di risorse integrative al decreto ministeriale che in primavera aveva disposto il riparto delle risorse in attuazione del decreto legge di marzo sulla didattica a distanza, sono state consegnate a un centinaio di scuole toscane – fanno sapere dalla Regione – permettendo loro l’acquisto di ulteriori dispositivi elettronici”.

    “Si tratta – comunicano – di risorse integrative, cioè aggiuntive, determinate a seguito di una ricognizione effettuata dall’Ufficio scolastico regionale che ha individuato gli istituti, esattamente 98, distribuiti in tutte le dieci province toscane”.

    Sul territorio la scuola di San Casciano, con il suo Istituto Comprensivo Il Principe, si è aggiudicata 5.549 euro.

    “Le scuole hanno già ricevuto le risorse loro assegnate e hanno già acquistato i dispositivi – fanno sapere ancora dalla Regione – permettendo così agli istituti di contare sulle più moderne tecnologie informatiche”.

    Soddisfazione viene espressa dall’assessorato all’Istruzione della regione Toscana. L’assessore, anche in occasione delle visite alle scuole, li ha consegnati personalmente all’istituto comprensivo Galilei di Pisa, all’istituto comprensivo Micheli Bolognesi di Livorno, all’istituto statale d’istruzione superiore Gramsci Keynes di Prato e all’istituto Datini sempre di Prato.

    Sui dispositivi acquistati con il finanziamento regionale dovrà essere applicato un adesivo con lo slogan “La regione Toscana per la scuola”

    L’elenco completo delle scuole che hanno beneficiato dei contributi

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...