spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Da Milano a San Casciano: un Ferragosto da biker (di passaggio) per Chiara e Roberto

    Nell'estate di un turismo italiano ed europeo (per gli statunitensi ci sarà da aspettare il 2022), abbiamo incontrato questi due simpatici motociclisti...

    SAN CASCIANO – In una San Casciano poco affollata per il Ferragosto, con le strade quasi deserte, abbiamo incontrato una giovane coppia che, parcheggiate le moto in piazza Matteotti (“il Salvestrini”), ha consumato il pranzo su uno dei tavolini all’ombra dei pini.

    Incuriositi dalle loro moto e per la loro cordialità, gli abbiamo chiesto da dove venissero: “Siamo di Milano oggi è il primo giorno di vacanze, io mi chiamo Chiara e sono una fotografa, mentre lui è Roberto, del team corse Pmg-racing”.

    Dove siete diretti?

    “A Campotosto, in un campeggio vicino al lago; lui non è mai stato da quelle parti mentre io in moto sì, poi andremo a Campo Imperatore in Abruzzo”.

    La sosta qui a San Casciano?

    “Ci siamo fermati perché abbiamo trovato l’unico bar aperto e abbiamo approfittato per mangiare in questo parco, tra l’altro grazioso e ombreggiato”.

    Siete appassionati di moto insomma…

    “La mia (Chiara) è una Harley Davidson, mentre la sua (Roberto) è una Suzuki modificata, festeggiamo così questi giorni di relax. Tra l’altro è la prima volta che riprendiamo le moto dopo il periodo della pandemia. Per noi è un grande momento di svago dopo tutto quello che abbiamo passato, e la moto ci dà una sensazione di libertà indescrivibile!”.

    Salutiamo così questa bella coppia, non prima però di fare qualche scatto, dietro il giusto suggerimento di Chiara, fotografa.

    E prima di “inforcare” ognuno la sua moto, gli auguriamo un buon Ferragosto. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...