spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 10 novembre una degustazione guidata. Partecipa anche l’associazione AIRO

    SAN CASCIANO – "Si fa presto a dire olio…".: incontro e piccola degustazione a cura di Sveva Nardella domenica 10 novembre, nell'ambito del Florence Wine Festival, alle 15.30 nello Showroom Riccardo Barthel.

     

    Interverranno: Massimiliano Pescini (sindaco di San Casciano); Filippo Falugiani (AIRO, associazione nata a San Casciano con l’obiettivo di incrementare la presenza a tavola di olio di qualità attraverso la creazione di una rete di relazioni, contatti e collaborazioni fra agricoltori e professionisti della ristorazione); Lorenzo Palazzoli (medico); Lamberto Baccioni (AgriVision); Franco Pasquini (ANAPOO). Moderatore: Lorenzo Sciadini (esociety). Posti limitati prenotazioni alla cassa del Florence Wine Event, iscrizione gratuita. 

     

    Tutto nasce da un confronto emerso sull'olio… con un fiorentino: Sveva Nardella decide di realizzare all'interno del Florence Wine Event 2013 un intervallo sull'olio, frutto sovrano della terra.

     

    In questa edizionel’olio trova la sua giusta collocazione accanto al vino e al pane. Discussioni, mini degustazione guidata, esposizione e vendita del prodotto, focus su vari produttori toscani e non solo. 

     

    "Nel pronunciare la parola olio – dice Sveva Nardella – il viso si compone intorno a uno stupore tondo, quasi alla rivelazione di un segreto. L'origine parte da una pianta solitaria, indomita, argentea e imprevedibile. Ogni olivo racconta la sua storia. E' l'albero meno uguale ad ogni altro albero del mondo".

     

    "Quando si osserva un oliveto – prosegue – si guarda un popolo, una razza. L'olivo si intreccia col vento dei poggi, si fa forza dall'aridità, cattura con tutto se stesso la potenza del sole. L'olio e' un mistero, un balsamo primordiale. E' sacro e santo. Esso arde e illumina, agevola il movimento e facilita nelle difficoltà".

     

    "E' l'insegnamento estremo di una solitudine pura e generosa – conclude – l'espressione della saggezza dell'incontro della terra con se stessa. L'olio è sincero e genuino. In quest'epoca di contaminazioni, violazioni, storture intellettuali, l'olivo vuole mantenere le proprie curve, l'estroversione della propria difficoltà e preservare nella sincerità della sua vita la trasformazione in olio. L'olio è vivo e buono. Da nuovo e inesperto si poggia su se stesso, muta di colore e attende…". 

     

    "Il lavoro dei giovani appassionati fondatori di AIRO – tiena a sottolineare il sindaco di San Casciano Pescini – è importante per diversi aspetti. Il primo è l'innovazione nei rapporti tra produttori e ristoratori, diretta e informata. Ci  permetterà una diffusione capillare della cultura dell'olio, della conoscenza delle sue caratteristiche e dei suoi sapori, oltre che del grande lavoro che c'è dietro la ricerca della qualità nel settore". 

     

    "Il secondo – dice ancora il sindaco – è il coinvolgimento dei consumatori, che possono essere maggiormente coinvolti nella conoscenza dei meccanismi e dell'infinita passione  che alimentano il settore dell'olivocoltura".

     

    "Il terzo – conclude – non meno rilevante degli altri, è la creazione di una rete di esperienze e di capacità che renda tutti i protagonisti della filiera olivicola più consapevoli e attivi nella promozione e divulgazione del prodotto e delle sue peculiari caratteristiche. Senza l'olio di qualità, la cucina toscana e italiana non esisterebbe".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...