spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Difficoltà settore camper: martedì 10 maggio arriva il segretario nazionale Fim Cisl Roberto Benaglia

    Passerà anche dalla Laika a San Casciano. Si parlerà del paradosso: "Ordinativi alle stelle, produzione ai minimi per la mancanza di materie prime"

    PONTEROTTO (SAN CASCIANO) – Martedì 10 maggio sarà in visita presso i maggiori stabilimenti del settore camper, che si articola tra le province di Firenze e Siena (la cosidetta “camper valley”) il segretario nazionale della Fim Cisl Roberto Benaglia.

    Il tour del segretario in provincia Firenze toccherà lo stabilimento Laika a San Casciano, per poi proseguire in provincia di Siena.

    “Lo sforzo della Fim Toscana nell’organizzare questa giornata – dicono dal sindacato – è dedicato a far sì che si accendano i riflettori sul momento che sta attraversando il settore del camper”.

    “Che a fronte di enormi ordinativi in portafoglio – viene rimarcato – è costretto a rallentare se non a fermarsi per la mancanza di meccaniche e più in generale per la mancanza generalizzata delle materie prime”.

    “I livelli produttivi in questo momento sono ridotti al minimo – viene quindi denunciato dalla Rsu Fim Cisl in Laika – con conseguenze dirette sul mantenimento occupazionale delle aziende produttrici dirette e anche nell’indotto”.

    “Il settore – prosegue la Rsu dell’azienda con sede al Ponterotto, nel comune di San Casciano – che si basa principalmente sulla manualità delle maestranze rischia di perdere quelle professionalità costruite e formate negli ultimi mesi/ anni, se questo accadrà sarà una perdita notevole per le capacità di produzione a breve termine e per le potenzialità di tutto il settore a lungo termine”.

    “Sensibilizzare i vertici sindacali nazionali ad un’attenzione diretta rispetto all’inserimento di questo settore nella filiera delle automotive – incalzano – avendo la possibilità di usufruire degli interventi a carattere nazionale che saranno intrapresi ci pare come organizzazione sindacale un atto dovuto, per il rispetto dei lavoratori occupati, per i tanti contratti a termine oggi non riconfermati e rispetto alle potenzialità che questo settore potrebbe esprimere se dovessero risolversi le problematiche sopra evidenziate”.

    “Questo periodo di transizione – spiegano ancora – dove tutto il mondo produttivo è alle prese con la transizione verso la Green Economy ci pone di fronte ad enormi cambiamenti che se non gestiti con estrema capacità e soprattutto con il coinvolgimento del sindacato potrebbero trasformare un’opportunità di crescita del Paese in un enorme problema sociale”.

    “Per questo – ricordano – i temi affrontati nel congresso di Torino dalla Fim Nazionale, come la riduzione dell’orario di lavoro, la lotta al precariato e la tutela dei salari sono sempre più attuali e indispensabili anche in questo settore”.

    “Come Rsu Fim Cisl di Laika – concludono – siamo orgogliosi di ospitare nello stabilimento di San Casciano il nostro segretario di accompagnarlo in visita e di cercare di farlo partecipe delle difficolta di tanti colleghi che sono preoccupati di questa situazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...