spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 23 giugno le canzoni di De Andrè in ricordo di Rebecca Aretini: nel giorno del suo compleanno

    Avrebbe compiuto 30 anni. Nel Cappellone di Sant'Antonio Abate si potranno sentire le canzoni che amava. La mamma Elisabetta: "E' il nostro regalo per lei"

    SAN CASCIANO – Le canzoni di Fabrizio De Andrè, che lei amava, cantate nel giorno di quello che sarebbe stato il suo 30esimo compleanno.

    Domenica 23 giugno, alle 17, nel Cappellone di Sant’Antonio Abate, presso la chiesa di San Francesco (convento delle Clarisse) a San Casciano, si terrà “In direzione ostinata e contraria”.

    Ovvero, un omaggio a De Andrè nel giorno del compleanno di Rebecca Aretini.

    Rebecca che, lo ricordiamo, è rimasta vittima di un terribile incidente sulle Apuane nell’agosto del 2022: ma è viva e presente nel ricordo.

    Dei suoi familiari e dei tanti che le hanno voluto bene. In un abbraccio che prosegue nel tempo e nello spazio. E che, molto spesso, serve anche ad aiutare chi ne ha più bisogno.

    Così, nel giorno in cui avrebbe dovuto compiere 30 anni, i genitori, insieme all’associazione Plantula APS ha deciso di organizzare questo concerto (grazie alla disponibilità di Ugo Burroni, Bruno Masi e Andrea Checcucci): in ricordo di Rebecca, e per beneficenza.

    L’ingresso è a offerta libera: quello che verrà raccolto sarà donato alla Missione di Suor Caterina Leiva in Patagonia meridionale.

    In programma l’intero album “Non al denaro, non all’amore né al cielo”, nella trascrizione per chitarra classica e voce del Maestro Checcucci.

    “Lei amava De Andrè – ricorda la mamma, Elisabetta – non a caso sul suo profilo Instagram c’è scritto “In direzione ostinata e contraria”. Questo concerto, grazie a Andrea Checcucci, Ugo Burroni e Bruno Masi, è il nostro regalo per lei”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...