spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pescini risponde a un cittadino: “Quel tratto alla nostra attenzione da tempo”

    E' il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini (in foto) a rispondere alle sollecitazioni di Luigi Carbone, il cittadino che nei giorni scorsi, dal Gazzettino, aveva lamentato la mancanza di attenzione nei confronti dell'abitato di Fabbrica.

     

    "Da molti anni – scriveva Carbone (clicca qui per leggere l'intero articolo)  regolarmente, io o i miei vicini telefoniamo o scriviamo al Comune per chiedere l’installazione di dossi o altri dissuasori di velocità in località di Fabbrica, nel tratto di strada che porta alla fattoria di Sant'Andrea, e lungo il quale si trova il piccolo borgo. C’è un cartello che indica il limite di 30 km orari, che non è rispettato da nessuno, perché a quanto pare queste stradine risvegliano nel cittadino/autista medio una atavica e insopprimibile voglia di mostrare quanto sa correre".

     

    E la risposta del sindaco è circostanziata e puntuale: "Per quanto riguarda le insistenti e estenuanti telefonate – scrive Pescini – da un controllo fatto dalla mia segreteria risulta che al signor Carbone sono stati dati ben tre appuntamenti con l'assessore alla polizia municipale Renzo Masi, tutti da lei regolarmente disdetti; lo dico non per polemica ma semplicemente per ripristinare la verità dei fatti".

     

    In merito a presunte influenze di alcuni residenti del borgo, paventate nella lettera spedita da Carbone al sindaco, il primo cittadino risponde usando l'arma dell'ironia: "Le uniche persone "influenti" che io conosco nella località di Fabbrica corrispondono ai nomi di Francesco e Mirella, due splendide persone e due splendidi pensionati che mi risultano essere proprietari di una fiammante Pandina verde chiara e che non mi risultano essersi mai occupati di simili vicende, anche per la sempre moderata velocità di crociera praticata dal prudente Francesco".

     

    "Come vede – prosegue rivolto al cittadino – in tempi di sfiducia nelle istituzioni e di facili pregiudizi la calunnia è, come nel migliore melodramma, un venticello, ed è meglio perciò fermarla immediatamente con la verità. In qualità di responsabile della polizia locale preme rilevare che da tempo il tratto di strada in questione è all'attenzione di questa amministrazione. Infatti sono stati fatti alcuni sopralluoghi da parte dell'ispettore Francioni, responsabile dell'ufficio pronto intervento e viabilità, a seguito dei quali è stato istituito il limite di velocità di 30 Km/h ed è stato accertato che la strada ha scarse dimensioni e un volume di traffico modesto, in quanto utilizzata per lo più dai residenti".

     

    "In merito ai dossi – conclude Pescini – preciso che, considerato l'elevato numero di richieste di installazione di sistemi di rallentamento della velocità su molte delle strade del territorio comunale e la limitata disponibilità economica dell'amministrazione, il posizionamento dei dossi segue necessariamente un ordine di priorità. Tengo peraltro a precisare che al momento il magazzino comunale non dispone di alcun dosso. Sarà comunque cura di questo ufficio effettuare posti di controllo di polizia stradale nel tratto di strada indicato in funzione preventiva e deterrente".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...