spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Due mesi di attesa ma ancora il letto sanitario per mia madre, colpita da ictus, non arriva”

    La denuncia da San Casciano. Una delle figlie: "Nel frattempo, io, mia sorella e la signora che assiste la mamma, ci siamo rotte la schiena pur di evitare piaghe e infezioni"

    SAN CASCIANO – Due mesi di attesa per ricevere un letto sanitario elettrico, per cercare di alleviare le sofferenze di un’anziana signora.

    Che il 19 aprile scorso, a causa di una caduta, si è procurata la frattura del bacino in recidiva d’ictus. E quindi non è più autosufficiente.

    Tutto questo avviene a San Casciano. I familiari, dopo aver presentato regolare richiesta il 23 aprile presso l’Asl di San Casciano, hanno avuto confermata l’accettazione dal magazzino sanitario, con l’assicurazione che entro venti giorni sarebbe stato consegnato il letto sanitario.

    Sembrava fatta ma in realtà, dopo un sollecito visto il tempo trascorso, i familiari venivano informati che era in corso un passaggio da un’azienda e all’altra. Eche si sarebbero prolungati i tempi della consegna di cinque o sei giorni.

    Ma arrivato finalmente il giorno della consegna, nessuno si presenta. Altri solleciti da parte dei familiari, altra data concordata: ma ancora una volta nessuno consegna il letto e altri ausili sanitari necessari.

    “Siamo arrivati al 27 giugno 2021- ci racconta una delle figlie della signora – e ancora non sappiamo quando riceveremo il tutto”.

    “Nel frattempo – prosegue – io, mia sorella e la donna che assiste la mamma, ci siamo rotte la schiena pur di evitarle piaghe e infezioni, visto che è costretta a vivere nel letto e ancora non riusciamo a trovare la soluzione”.

    “Tutto questo – denuncia – perché ci siamo attenuti alle procedure corrette e senza cercare aiuti da parte di conoscenze che avrebbero accelerato la consegna?”.

    “Magari – riflette amaramente – passando avanti a persone come noi, normali, che chiedono solo il rispetto della persona malata e dei familiari che con grandi sacrifici cercano di accudire alla loro mamma senza crearle ulteriori sofferenze, avremmo avuto un altro tipo di risposta?”.

    “Due mesi per ricevere un letto che sembrava da subito disponibile – conclude – ci sembrano davvero troppi!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...