spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Elezioni amministrative di giugno, il Pd di San Casciano presenta i suoi 16 candidati al consiglio comunale

    Otto donne, otto uomini, il partito traccia per ciascuna e ciascuno di loro un breve identikit: dall'operaio metalmeccanico alla medico di pronto soccorso...

    SAN CASCIANO – Il Partito democratico di San Casciano ha scelto, come 5 e 10 anni fa, il primo maggio come data per la presentazione della lista delle candidate e dei candidati al consiglio comunale per le elezioni dell’8 e 9 giugno prossimi.

    “Scegliamo una data simbolica come la Festa del Lavoro – dice il Pd sancascianese – Lavoro come elemento base della nostra identità democratica è il primo articolo della nostra costituzione. Un richiamo ai valori di libertà e di eguaglianza – ma anche l’indicazione di un modello sociale vivo, proiettato verso la coesione e la solidarietà”.

    “Una data per noi simbolica – riprendono – e che dà il via ad un nuovo importante passo della campagna elettorale in sostegno al nostro candidato sindaco, Roberto Ciappi: 16 persone, 8 donne e 8 uomini che con entusiasmo e motivazione hanno dato la disponibilità a questa nuova avventura, tutti animati da una grande voglia di mettere a disposizione il proprio tempo, le proprie energie , per San Casciano e la sua comunità. Teste, mani e cuori!”.

    “Alcuni volti già conosciuti – prosegue il Pd sancascianese – essendo candidate/i al secondo mandato, altri nuovi. Sensibilità politica, competenza, esperienze professionali e di militanza, capacità di vivere il paese attraverso esperienze nel volontariato, nell’associazionismo, rappresentanza delle frazioni e vicinanza al territorio. Sono questi i temi che abbiamo voluto evidenziare nella scelta della lista definitiva. Ogni persona è importante e rappresenta un valore per la nostra comunità”.

    “Come detto – concludono – un mix di candidati che hanno già un’esperienza nel precedente mandato e volti nuovi, come lo sono i due capolista che l’assemblea comunale ha scelto , ovvero i due candidati più giovani: Martina Ricci e Pietro Fanfani. Due giovani che da un po’ di tempo si sono avvicinati alla politica, con una militanza attiva, consapevole e piena di entusiasmo idee e voglia di dare alla propria comunità”.

    I candidati alle amministrative di giugno 2024 (la presentazione del Pd)

    Martina Ricci, 23 anni, studentessa di Giurisprudenza all’Università degli studi di Firenze. Partecipa con passione da anni all’organizzazione della festa dell’Unità, con la Giovanile, attiva nella Consulta giovani. Da sempre appassionata di politica, ha intenzione di impegnarsi per il territorio e per portare la voce dei giovani, incidendo nelle scelte per la comunità. Parola chiave: Gioventù.

    Pietro Fanfani, 31 anni, barman e laureando in Matematica. Viene da una famiglia da sempre molto partecipe alla vita politica e da anni svolge militanza attiva. Impegnato da nell’associazionismo, ha maturato esperienze nella Consulta dei Giovani. Ha grande capacità di ascolto e di accoglienza verso le persone. Parole chiave: Logica nel ragionamento.

    Tiziano Borelli, 52 anni, di Cerbaia, sposato, operaio nel settore elettrico, vicepresidente del circolo Arci di Cerbaia, paese dove vive da sempre. Come da sempre attivo nell’attività del circolo ed appassionato di politica. Consigliere comunale nella precedente consiliatura e membro della commissione territorio e urbanistica. Parole chiave: Amore per la frazione.

    Debora Domeniconi, 58 anni, sposata e con un figlio, assistente personale dell’amministratore delegato e del presidente in una grande azienda vitivinicola. Impegnatissima da anni nel mondo del volontariato e dell’associazionismo. Consigliera comunale nella precedente consiliatura e membro della commissione bilancio. Parola chiave: Serietà.

    Alessandra Gherardelli, 43 anni, di Cerbaia, lavora presso sindacato di categoria in ambito medico. Sposata, due figli, molto attiva nel mondo del volontariato. Consigliera comunale e membro delle commissioni cultura, scuola, sociale, sport e Pari opportunità. Parola chiave: Semplicità.

    Ketty Niccolini, 36 anni, chimica, lavora come tecnico di laboratorio in un’importante azienda del territorio, nella quale è anche rappresentante sindacale. Sposata con un figlio ed una figlia, è da anni molto attiva nel mondo del volontariato. Consigliera comunale nelle commissioni urbanistica e territorio e Pari opportunità. Parola chiave: Determinazione.

    Leandro Lanfrancotti, 47 anni, risiede a Chiesanuova, nella vita si occupa di informatica. E’ sposato e ha due figli. Per molti anni è stato consigliere al Circolo Ricreativo di Chiesanuova. A San Casciano è presente anche come istruttore di Judo e pensa di poter dare un aiuto e un sostegno importante alla nostra comunità e al nostro partito. Parola chiave: Diplomazia.

    Andrea Romeo, 26 anni, laureato in matematica, risiede a Montefiridolfi, è nel consiglio dell’associazione e nella sportiva, lavora in ambito finanziario, si è concretamente avvicinato alla politica attraverso il lavoro partecipazione della stesura del programma. Parola chiave: Innovazione.

    Sonia Pestelli, 61 anni, vive da sempre a Spedaletto; sposata e con un figlio, lavora come impiegata presso una grande azienda vitivinicola a San Casciano. Presente nel mondo del volontariato e della cultura, in particolare per le pari opportunità, è attiva nelle commissioni per la stesura del programma. Parole chiave: Amore per il territorio.

    Giulia Belloni, 32 anni, di Mercatale, responsabile commerciale in un’importante azienda di organizzazione eventi, attivissima in molte associazioni di volontariato, con esperienze anche nell’ambito della Pro-Loco e nell’organizzazione di numerosi eventi sul territorio. Parole chiave: Esserci per la frazione.

    Fabio Benelli, 56 anni, di Mercatale, sposato, funzionario di banca, da anni impegnato nel volontariato e nell’associazionismo sportivo. Attivo nell’organizzazione di eventi nel territorio e proviene da anni di militanza attiva. Parola chiave: Coerenza.

    Francesco Paolini, 50 anni, avvocato amministrativista, originario di Cerbaia ma residente a San Casciano, vanta una lunghissima esperienza politica con una passione iniziata fin da giovanissimo. Ha una figlia ed è impegnato nel volontariato. Parola chiave: Militanza.

    Sara Albiani, 45 anni, si occupa dei temi di salute globale e di lotta alle disuguaglianze in Italia per una importante organizzazione non governativa. Vive a San Casciano. Sposata, due figli, ha molti anni di esperienza nella cooperazione internazionale per lo sviluppo in Africa e nell’analisi delle politiche sanitarie a tutela delle persone fragili. Parole chiave: Passione, idee ed entusiasmo.

    Camilla Lumachi, 47 anni, medico di pronto soccorso, ha due figli, abita a San Casciano. Appassionata di politica fin da giovanissima, è stata segretaria della giovanile. Ha proseguito con anni di militanza. Parole chiave: Ardente pazienza.

    Alessandro Landi-detto Dodo, 48 anni, operaio metalmeccanico e rappresentante sindacale. Padre di una figlia, vive a San Casciano. Fin da giovane impegnato nel volontariato e nell’attività politica locale, ha ricoperto il ruolo di segretario di circolo. Attualmente è militante. Parola chiave: Passione.

    Riccardo Mariotti, 51 anni, operaio nel settore automobilistico e nella logistica, padre di due figli, cresciuto in una famiglia molto appassionata di politica, da anni è uno dei più attivi rappresentanti nel mondo dell’associazionismo sportivo ed è impegnato in progetti di valorizzazione e promozione del territorio. Parole chiave: Concretezza e lavoro.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...