spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ex Cantine Antinori al Bardella, si va verso il futuro: abitazioni, una palestra, una nuova media distribuzione…

    Intervista all'Ad Renzo Cotarella: "Vogliamo trovarvi un uso utile per tutti, da ogni punto di vista: economico, sociale, estetico. Trattative con Conad? Se ci sono, sono a nostra insaputa..."

    SAN CASCIANO – Partiamo da un dato di fatto, che ci viene ribadito più volte durante la nostra chiacchierata dall’amministratore delegato di Marchesi Antinori, Renzo Cotarella.

    “L’area delle vecchie cantine, al Bardella, è una preoccupazione – ci dice – Vogliamo trovarvi un uso utile per tutti, da ogni punto di vista: economico, sociale, estetico”.

    Perché, lo ricordiamo, nell’ambito della realizzazione delle nuove cantine al Bargino, dopo averle inizialmente cedute, nel 2020 la Marchesi Antinori le ha ri-acquisite.

    Partendo subito da una bonifica ambientale dall’eternit che le pervadeva. Per una prima, necessaria e non rimandabile, messa in sicurezza.

    Ma adesso, due anni dopo, a che punto siamo? Lo chiediamo allo stesso Cotarella.

    “C’è un piano che è stato approvato dal Comune di San Casciano – risponde – Chiaramente, e purtroppo senza colpe di nessuno, sono tempi biblici, come sempre accade in Italia. Speriamo di poterci far o far fare qualcosa che abbellisca l’area e San Casciano. Ne stiamo parlando anche con il Comune stesso”.

    Partiamo dalla parte parte residenziale: possiamo dire che potrebbe sorgere nella zona che guarda via di Pisignano, nell’area dei vecchi silos per intendersi?

    “E’ quella l’area più logica, ma bisogna vedere anche come verrà definito il terzo lotto della variante di San Casciano: quello che dall’area del Gentilino dovrà arrivare fino a via Empolese”.

    Per quanto riguarda le “ricadute pubbliche” dell’intervento, si parla di una palestra.

    “Una delle ipotesi è anche questa, il Comune ci tiene molto. Penso che alla fine si dovrà trovare una soluzione per farla”.

    E la parte centrale, quella delle vecchie cantine, pare che si cerchi di lasciarla intatta. Trovandole una proiezione futura…

    “E’ storica, una delle idee è di farla rimanere. Per ricordare per sempre che qui vennero costruite le vecchie cantine. Lo ripeto: quell’area a noi interessa soprattutto sistemarla e abbellirla, non facciamo certo speculazione edilizia”. 

    Si parla anche dell’arrivo di una nuova media distribuzione su San Casciano, c’è chi parla già di trattative con Conad…

    “Che possa esserci uno sviluppo commerciale di quell’area è scritto nel piano, è evidente che nella riorganizzazione ci possa essere. Trattative in corso? Mi viene di rispondere… a nostra insaputa. Al momento siamo ancora fermi a fare una progettazione definitiva”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...