spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Fiera ni’ Cappellone”, seconda edizione in corso al Monastero delle Clarisse di San Casciano

    Il mercatino, il cui ricavato va in beneficenza, quest'anno è in un ambiente tutto rinnovato. Andrà avanti fino al 17 dicembre: date e orari

    SAN CASCIANO – E’ in corso la seconda edizione della “Fiera ni’ Cappellone”, presso il Monastero delle Sorelle Clarisse in viale San Francesco 40 B, a San Casciano.

    Il Cappellone di Sant’Antonio si trova a fianco della chiesa, appena rinnovato di tutto punto.

    Se la prima edizione, messa su con tanto entusiasmo dalle volontarie e volontari esponendo molti oggetti da acquistare, si svolse in un ambiente “povero”, stavolta la fiera (con il mercatino nuovo e usato, giochi e animazione), si tiene in un ambiente appena restaurato e accogliente.

    Riscaldato e con luci che illuminano e valorizzano ancora di più la merce esposta.

    C’è davvero da sbizzarrirsi potendo fare acquisti interessanti. E’ possibile trovare di tutto: dai ricami artigianali ai quadri, e poi ceramica, mobilia, abbigliamento, libri. Ma anche l’immancabile gioco del tappo.

    Perfino delle biciclette rimesse a nuovo e pronte per… balzare in sella.

    Tutto questo è stato promosso da Plantula APS con il supporto di Fondazione ChiantiBanca. Il ricavato servirà a finanziare progetti già in corso che saranno offerti gratuitamente: come “Un giro con Gemma” e “Il the del Cappellone”, in favore di disabili e anziani.

    Le prossime aperture del Cappellone sono così programmate: sabato 25 e domenica 26 novembre. Sabato 2, domenica 3, venerdì 8, sabato 9, domenica 10, sabato 16 e domenica 17 dicembre. Orario 10-20. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...