spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Musica giovane: i Flat Out vincitori del RockOlio con la loro “Lazy Sunday”

    Prima edizione del rock contest organizzato dal Comune di San Casciano in occasione di GirOlio 2017

    SAN CASCIANO – Una domenica non come le altre, pigra, indolente, bisognosa di sentimenti e amicizie vere, che libera i pensieri e le emozioni più profonde, che soffre e riflette sull’opportunismo delle persone. U

     

    na domenica grigia che genera delusione, imprigionata dall’incertezza dei sentimenti e del domani.

     

    A 15 anni si può elaborare un testo così intenso, tradurlo in composizione, musica, canto e farlo salire al primo posto nella classifica di un rock contest di rilievo regionale. “Lazy Sunday”, presentato dalla band Flat Out, cinque adolescenti tra i 12 e i 16 anni provenienti da Casciano di Murlo, nel senese, è il brano originale che ha conquistato la giuria tecnica e popolare della prima edizione del RockOlio, promosso dal Comune di San Casciano, nell’ambito della tappa chiantigiana del GirOlio d’Italia.

     

    La formazione dei Flat Out è composta da Chiara e Giulia alla voce, quest’ultima anche al basso, Aldo alla chitarra, Jacopo alle tastiere, Francesco alla batteria.

    Alla manifestazione che si è tenuta nella sala del Cinema Teatro Everest il pubblico, numerosissimo, ha applaudito la qualità e la creatività musicale di sei gruppi provenienti da varie aree della Toscana, e i loro diversi linguaggi e approcci alla musica.

     

    Pop, rock, rock stoner, hip hop, rap: ampia la gamma di espressioni musicali che ha caratterizzato la rassegna che ha fatto salire sul palcoscenico formazioni under 30.

     

    Due le formazioni che hanno giocato in casa, i giovanissimi Archè di San Casciano, in versione esclusivamente strumentale, e i Lapsus, noti a San Casciano e dintorni per il loro talento work in progress, da Firenze hanno incantato con i loro ritmi rock i C’S, mentre i Toscana Sud e i Caluvia hanno fatto impazzire il pubblico invitandolo a ballare.

     

    A valutare le band è stata una giuria di primo livello costituita da musicisti, giornalisti, produttori, organizzatori di eventi, cantanti e appassionati di espressione sonora e musicale.

    Hanno espresso le loro preferenze l’onorevole Lorenzo Becattini, il chitarrista Cosimo Zannelli che vanta importanti collaborazioni artistiche con i Litfiba, Gianni Morandi e Bianca Atzei, i componenti del gruppo Quarto Podere, il produttore Matteo Frullano, il presidente della Festa del Volontariato sancascianese Francesco Guarducci,  gli assessori dei Comuni di San Casciano, Tavarnelle e Barberino, Chiara Molducci, Roberto Ciappi, Tatiana Pistolesi e Silvano Bandinelli, il consigliere comunale Duccio Becattini, i direttori delle scuole di Musica di San Casciano e Tavarnelle Ilaria Favini e Fabio Bastianoni, la docente della scuola di canto moderno della Scuola di Musica di Greve in Chianti e Tavarnelle Veronica Fiorini, i giornalisti Edlira Mamutaj (ChiantiSette), Matteo Pucci (Il Gazzettino del Chianti) e Francesco Nidiaci (Tvr TeleItalia).

     

    I Flat Out hanno vinto l’incisione del brano in uno studio di registrazione professionale con l’esperienza formativa annessa e la diffusione live della canzone dai microfoni di una nota emittente radiofonica fiorentina, la storica Controradio.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...