spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / Contro le stragi sul lavoro. Assemblea ieri alla casa del popolo di San Casciano

    Le immagini della prima delle assemblee territoriali nell'area della Città Metropolitana, organizzate da Cgil-Cisl-Uil Firenze

    SAN CASCIANO – Ha preso il via ieri, venerdì 1 ottobre, dalla casa del popolo di San Casciano, una serie di assemblee itineranti dei Rappresentanti dei Lavoratori della Sicurezza (Rls) nei territori della Città Metropolitana fiorentina, organizzate da Cgil-Cisl-Uil Firenze.

    Il tema è quello della sicurezza sul lavoro. Delle morti. Troppe. Infinite. Degli infortuni. Di una scia di sangue e dolore che, invece che diminuire, aumenta.

    Sono state raccontare le esperienze dei rappresentanti della sicurezza sul lavoro all’interno delle aziende.

    E lanciate proposte di azioni concrete nella scia della piattaforma unitaria nazionale dei tre sindacati, “a supporto del confronto aperto in questi giorni con il Governo – hanno sottolineato – che speriamo dia presto i suoi frutti”.

    Centralità e voce ai nostri Rls/Rlst ma, anche, la richiesta agli interlocutori, istituzionin primis, “di aderire ad un manifesto di impegni comuni da costruire insieme e costituire un tavolo provinciale operativo con le parti sociali e le istituzioni che, partendo dall’analisi delle condizioni dei territori, definisca strategie e interventi mirati”.

    E’ stata anche l’occasione per rinnovare la richiesta dei tre sindacati al Governo ed agli organismi regionali “di mantenere fede alle promesse fatte pubblicamente, a partire dall’investimento di risorse nei sistemi di prevenzione e controllo che continuano a lavorare in palese condizioni di criticità”.

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...