domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    FOTO / Nell’area dentro le mura si sono celebrati i 100 anni, la magia e le parole di Gianni Rodari

    Curatrice del progetto la critica e storica dell’arte Giovanna Maria Carli, nel ruolo di fondatrice e responsabile settori scuole arti visive del Museo della Narrazione

    SAN CASCIANO – Una gran bella iniziativa quella andata in scena sabato 27 giugno nell’arena dentro le mura a San Casciano.

    Qui, a un passo dal Museo Giuliano Ghelli e dalla biblioteca comunale, si è celebrata la vita vera, la semplicità dei sentimenti, interpretati con lucido e sensibile spirito critico da un maestro dell’arte dell’immaginazione, che dipinge con le parole e i sogni di ogni tempo e di ogni età.

    Gianni Rodari, pedagogo, giornalista, poeta, insegnante, che ha plasmato la lingua creando e inventando filastrocche e racconti che vestono di rispetto, tolleranza, solidarietà lo sguardo puro dei piccoli lettori.

    I mille volti del genio piemontese, intessuti di visioni e identità nelle quali tutti possono riconoscersi, hanno letteralmente condotto per mano i presenti.

    Curatrice del progetto la critica e storica dell’arte Giovanna Maria Carli, nel ruolo di fondatrice e responsabile settori scuole arti visive del Museo della Narrazione.

    Un progetto promosso dal Comune di San Casciano e organizzato in stretta collaborazione con l’Istituto comprensivo il Principe. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...