spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sopra al Calzaiolo. La famiglia Pampaloni: “Nessuno se ne occupa”. Interviene il CBTC

    CALZAIOLO (SAN CASCIANO) – Di fronte al fiume di acqua e detriti che ha invaso il Chianti c'è anche chi, legittimamente, si chiede perché si deve arrivare a certe situazioni.

     

    E' il caso della famiglia Pampaloni: "Siamo a segnalarvi – ci scrivono – un allagamento causato da una grossa frana a monte del fosso del Boscone (via Montecalvi, località Calzaiolo)".

     

    "La frana – accusano – era stata segnalata più di quattro mesi fa, ma nessuno si prestato per risolevere il problema dopo decine e decine di telefonate al Consorzio di Bonifica".

     

    "Dopo il temporale di questa mattina – dicono inviandoci anche le foto che trovate sopra –  il fosso è stato riempito da migliaia di sassi che provengono dalla frana a monte e ha causato l'allagamento di un abitazione".

     

    "La collina a monte – concludono – sta franando e nessuno se ne interessa, anche dopo varie e varie segnalazioni. Ma il Consorzio di Bonifica che ci sta a fare? Solo a prendere soldi?".

     

    Ed è direttamente il Commissario Straordinario del Consorzio, Mauro Cresti, che sta seguendo in prima persona l’evolversi del maltempo, a telefonare direttamente alla famiglia Pampaloni.

     

    “La questione – spiega – era già nota al Consorzio dallo scorso luglio quando, come di consueto, abbiamo aperto la scheda di intervento a seguito della segnalazione dei consorziati della zona. I nostri tecnici avevano pensato di risolvere la criticità con un progetto per la stasatura del sottopasso viario che è solito ostruirsi a causa del trasporto di materiali provenienti dalla frana sovrastante".

     

    "Questi lavori – prosegue – sono già stati assegnati ma, purtroppo, non eseguiti a causa di problemi insorti con la ditta incaricata. Nel frattempo, a distanza di solo qualche mese dalla segnalazione, purtroppo, ci ha anticipato il maltempo eccezionale di queste ore".

     

    "Considerato che la stasatura del sottopasso è comunque una soluzione non organica al “problema frana” – dice ancora – pur non avendo competenza diretta sui cedimenti dei versanti di collina, i tecnici consortili stavano e stanno ipotizzando la realizzazione di un’area di sfogo dei materiali provenienti dalla frana".

     

    "In modo tale – conclude Cresti – da ridurre il fenomeno di trasporto di detriti verso valle fino al tratto tombato: di fronte al disagio degli abitanti riconosciamo di non aver condiviso i rallentamenti nell’esecuzione dei primi lavori e le ipotesi progettuali per una maggiore sicurezza dell’area”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...