spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nella zona di Cerbaia un esemplare di questo vero e proprio predatore d’acqua dolce

    CHIANTI FIORENTINO – Incontro inaspettato questa mattina mentre ci trovavamo lungo il fiume Pesa (nella zona di Cerbaia-San Vincenzo a Torri) per un servizio, quando abbiamo visto spuntare dalle acque del fiume quello che è chiamato il “gambero killer”.

     

    Nome scientifico Procambarus clarkii, si tratta di un predatore originario della Louisiana, Stati Uniti d'America.

     

    Che nel nostro fiume esistessero questi esemplari infestanti, un flagello per la fauna ittica poiché si nutrono delle uova dei pesci e altri anfibi, piante acquatiche, lo avevano appreso da alcuni pescatori che frequentano il fiume nei pressi di Cerbaia.

     

    Ma mai eravamo riusciti ad averne una prova certa, salvo appunto questa mattina imbattendoci casualmente nell'esemplare di cui proponiamo alcune foto.

     

    Del gambero killer si era già occupata la stampa nell’agosto del 2004, quella volta la sua presenza era stata segnalata nel lago di Chiesanuova. Una curiosità: sempre nel 2004 si parlava che un ristorante di Borgo a Mozzano, vicino a Lucca, ne abbia fatta la sua specialità, servito in uno speciale cacciucco di acqua dolce, si dice che sia una prelibatezza. Ma di questo noi… non possiamo dare garanzie.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...