spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 17 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I ladri piombano in giardino ma sulle sdraio trovano… i proprietari: “Gliele abbiamo tirate addosso”

    Tentativo di effrazione surreale a San Casciano: due ladri, pensando che la casa sia deserta, scavalcano il muro. Ma in giardino ci sono i proprietari a prendere il fresco. Il racconto

    SAN CASCIANO – Ci sono anche ladri sbadati che vanno a colpire a casaccio? Sembra proprio di sì.

    Almeno per quanto riguarda il colpo mancato poche sere fa a San Casciano: e non parliamo di una casa isolata, ma in pieno centro, lungo una via molto frequentata. Da auto di passaggio e da persone che camminano, anche con i bambini, alla ricerca di un po’ di fresco.

    Stavolta è accaduto a una coppia che, dopo la cena, ha deciso di rilassarsi comodamente in giardino, su delle sdraio.

    Quiete interrotta però da due ladri; che pensando che l’abitazione in questione non fosse abitata, dopo aver osservato che le finestre erano chiuse e le luci spente, hanno scavalcato il muro. Trovandosi però davanti… i proprietari.

    “Erano passate da poco le 22 – ci raccontano- quando dall’angolo della casa ho visto un uomo”.

    “Pochi istanti – prosegue la moglie – per comprendere che non potevano essere i vicini di casa, in quanto al mare, così ho cacciato un urlo di spavento rimanendo pietrificata sullo sdraio”.

    La reazione del ladro?

    “Dei ladri – risponde – Perché quando mi ha visto si è improvvisamente fermato; e quello che era dietro di lui gli è andato addosso!”.

    E cosa avete fatto?

    “Mio marito per istinto si è alzato e gli ha scagliato contro lo sdraio, per poi cercare di fermarli. I due, sorpresi, hanno cercato di scappare dalla parte del campo, uno è addirittura inciampato nella base del porta ombrellone, rialzandosi di scatto per poi buttarsi nella siepe”.

    E suo marito?

    “Ripensandoci a mente fredda devo dire che è stato un bene che non sia riuscito a fermare nessuno dei due, perché non so cosa sarebbe potuto succedere. Nel frattempo, sentendo le nostre grida, si sono avvicinate alla casa alcune persone di passaggio chiedendoci se avevamo bisogno di aiuto”.

    Siete riusciti a vedere in faccia i ladri?

    “Sono stati attimi, l’unica cosa che possiamo dire è che erano giovani, uno alto e l’altro basso, uno vestito con maglia e pantaloni neri, l’altro con una maglia chiara e pantaloni scuri. In tutta quella confusione del fuggi fuggi non hanno mai detto una parola”.

    Avete chiamato i carabinieri?

    “Sì, abbiamo fatto il 112 e sono venuti a fare un sopralluogo, mentre il giorno dopo abbiamo fatto la denuncia. Pensi, in tutta quella confusione si sono impauriti anche i nostri gatti: uno è tornato in casa alle 2.30, mentre l’altro è rimasto nascosto sotto il letto”.

    E voi?

    “Io prima di entrare in casa ancora oggi mi guardo intorno, mio marito è più coraggioso, ma insomma, non siamo più tranquilli com’eravamo prima di questo incontro ravvicinato”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...