spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune di San Casciano offre ai giovani un percorso formativo per diventare Tutor dell’apprendimento

    Il corso è gratuito ed è rivolto a giovani laureati e laureandi residenti nei tre territori dell'Unione comunale del Chianti fiorentino

    SAN CASCIANO – Nel Chianti fiorentino prende avvio uno specifico progetto educativo che forma i giovani come Tutor dell’apprendimento.

    L’Unione comunale del Chianti fiorentino attiva un percorso gratuito rivolto a giovani laureati e laureandi del territorio chiantigiano interessati ad acquisire strumenti teorici ed esperienziali per diventare tutor e affiancare gli studenti che avvertono difficoltà nel percorso scolastico.

    Giunto alla quarta edizione, il progetto Tutor Time è stato progettato per rivolgere uno specifico supporto alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi iscritti alla scuola primaria e secondaria di primo grado di San Casciano con bisogni educativi speciali.

    Il progetto ha un risvolto formativo sia per gli aspiranti tutor che hanno l’opportunità di apprendere strumenti di approfondimento in questo ambito di intervento sia per gli studenti che riscontrano difficoltà nel loro percorso scolastico e possono ottenere un aiuto adeguato e personalizzato.

    L’attività di tutoraggio della durata di un anno si propone di affiancare gli studenti con diagnosi di disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) e bisogni educativi speciali (BES). Negli anni precedenti sono stati formati oltre venti laureati.

    Per partecipare al percorso formativo, che si terrà in forma gratuita, c’è tempo fino al 2 novembre 2023 ed è necessario avere specifici requisiti tra cui la laurea triennale o dichiarazione di frequenza universitaria in qualsiasi Facoltà del nuovo ordinamento, avere conoscenza degli strumenti informatici e dimestichezza con il sistema operativo Windows, essere residente in uno dei tre Comuni dell’Unione comunale del Chianti fiorentino (Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti, San Casciano).

    “L’idea è quella di costituire un vero e proprio elenco Tutor composto da persone specializzate – specifica il presidente dell’Unione comunale Roberto Ciappi – in grado di offrire un supporto qualificato ai bisogni scolastici degli studenti, l’elenco potrà rappresentare un punto di riferimento permanente per le famiglie che richiedono un aiuto specifico per i loro figli”.

    Il percorso formativo, finalizzato all’attività di tutoraggio, permetterà ai giovani partecipanti di acquisire competenze sugli stili di apprendimento, sulle tecniche di memorizzazione, sull’utilizzo di specifici software, sui metodi di studio e gli strumenti compensativi.

    Sarà inoltre creata una rete di collaborazione tra i Tutor e i vari soggetti, coinvolti nel percorso scolastico degli studenti.

    A svolgere l’attività formativa sarà l’educatrice professionale dipendente del Comune di San Casciano, Laura Dainelli. L’attività di formazione si svolgerà presso il Museo Ghelli di San Casciano.

    Il corso, a numero chiuso, è organizzato dalla Società della Salute Fiorentina Sud Est.

    La richiesta di partecipazione deve essere effettuata compilando un apposito modulo disponibile sul sito web del Comune (www.sancascianovp.net), corredato di curriculum vitae. La domanda deve essere poi consegnata entro le ore 12.30 di giovedì 2 novembre all’ufficio protocollo del Comune, aperto dal lunedì al venerdì 8.30-12.30, lunedì e giovedì anche 15-18.30, 0558256224.

    E’ possibile anche inviare un’email a protocollo@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it, pec comune.sancascianovp@postacert.toscana.it.

    Informazioni dettagliate sul progetto si possono richiedere a Laura Dainelli: 0558256314, l.dainelli@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...